TOP 5 Serie A – 9° Giornata

, TOP 5 Serie A – 9° Giornata

Come ogni settimana, arriva la TOP 5 di Schiaccio e Non Faccio Fatica sul turno di campionato appena concluso.

Una Fortitudo senza Aradori e Fantinelli impegna oltre misura (c’è partita per almeno tre quarti) la Virtus nel derby di Casalecchio, ma i sei uomini in doppia cifra, ispirati dai 14 assist di Teodosic, guidano i bianconeri al +20 finale. Prosegue, in vetta, la marcia imbattuta di Milano (Leday 20), che non ha vita così facile di fronte ad una Venezia dimezzata dal Covid, mentre sono otto – miglior striscia aggiornata – le vittorie consecutive in campionato di Brindisi, che nel finale regola anche la resistenza di una indomita Brescia. Prosegue il magic moment – quattro in fila – anche di Pesaro, mentre Cantù ne segna 101 (con 15 del 2002 Procida) nel successo casalingo contro Roma e Varese fa registrare uno squillo importante, violando il campo di Trento, a sua volta una delle squadre più in forma della Serie A. Due (Sassari – Cremona e Trieste – Treviso) le partite rinviate.


Gabriele Procida (Acqua San Bernardo Cantù) – Che fosse un tiratore puro lo aveva dimostrato già col 3/3 contro Venezia lo scorso anno prima del lockdown, mentre era stato alterno, finora, in una stagione dalle responsabilità più definite. Che il 5/6 da 3 con Roma, per 15 punti in 20’, sia – oltre che naturalmente il suo high personale – lo sblocco definitivo nella stagione di questo promettentissimo 2002…


Alessandro Pajola (Segafredo Virtus Bologna) – “Sceglie” la partita più sentita per festeggiare la convocazione con la Nazionale maggiore e, soprattutto, firmare la sua prima doppia cifra in Serie A. 14 punti in 19’ ne fanno il capocannoniere della Virtus, con 2/4 dall’arco: sempre utile in tante cose, se adesso inizia anche a far canestro….


Toney Douglas (Openjob Metis Varese) – Prima o poi doveva “tornare”, lo ha fatto griffando con una partita a tutto campo (anche 8 rimbalzi, 6 assist e 4 recuperi oltre ai 28 punti messi a segno) la pesantissima vittoria di Varese sul campo di Trento: un segnale chiaro dopo la fin troppo sofferta affermazione casalinga su Roma.


Carlos Delfino (Prosciutto di Carpegna Pesaro) – 19 (punti) + 8 (rimbalzi) + 4 (assist) +3 (recuperi) + 4 triple a bersaglio per dare come somma 38, proprio come la sua età: l’entusiasmo e la seconda “gioventù” di Carlitos Delfino sulla quarta in fila di una Pesaro ormai bella copia della Cenerentola della scorsa stagione.


Nick Perkins (HappyCasa Brindisi) – Si traveste da “Willis” in attesa che il suo compagno torni definitivamente agli standard cui ci ha abituato, ergendosi a muro della muraglia brindisina: 15 punti e 11 rimbalzi il fatturato nella complicata, ma ottava vittoria consecutiva, di Brindisi in casa su una rediviva Brescia.


Walter De Raffaele (Reyer Venezia) – Quello di Milano doveva essere il big-match di giornata e lui mette in campo in maniera molto più che dignitosa una squadra con appena cinque senior a disposizione (out Watt, Vidmar, De Nicolao, Tonut, Mazzola e Cerella) , dando 27’ al 2003 Casarin: la grandezza di una squadra bicampione d’Italia trova conferme anche in una sconfitta, specialmente contro la corazzata del campionato.