The Super League, ecco come cambia il calcio

Scopri la nuova competizione europea: chi sono i club fondatori e quali saranno le ripercussioni su campionati e coppe europee.

The Super League, The Super League, ecco come cambia il calcio

Nella notte tra il 18 e il 19 aprile 2021 è ufficialmente nata la The Super League: sarà una competizione calcistica che coinvolgerà i 20 migliori club d’Europa con una formula che ricorda l’EuroLeague di basket. Sarà una lega che si distaccherà completamente da FIFA e UEFA, le quali hanno già preso provvedimenti. Scopriamo insieme come cambia il calcio.

I club fondatori

Sono ufficialmente 12 i top club fondatori della Super League europea: 6 inglesi (Manchester City, Manchester United, Chelsea, Tottenham, Liverpool e Arsenal), 3 italiane (Juventus, Inter e Milan) e 3 spagnole (Real Madrid, Barcellona e Atletico Madrid). Secondo alcune indiscrezioni altre tre squadre sono state “invitate” alla creazione del progetto, ma ad oggi pare abbiano rifiutato. I team in questione sarebbero: Paris Saint-Germain, Bayern Monaco e Borussia Dortmund.

The Super League, come funziona

La nuova competizione, che secondo alcuni rumors potrebbe prendere il via già ad agosto 2021, vedrà coinvolti 20 tra i migliori club d’Europa: i 15 club fondatori, che saranno partecipanti di diritto ad ogni edizione, e altri 5 che si qualificheranno annualmente in base ai meriti sportivi. Le squadre saranno divise in due gironi da 10 squadre e le migliori 4 per ogni raggruppamento parteciperanno alla fase finale del torneo. Le partite verranno giocate a metà settimana così che tutti i club possano continuare il loro campionato.

La risposta di FIFA e UEFA

Non si è fatto attendere il comunicato delle due principali federazioni del calcio europeo e mondiale che si oppongono fermamente alla nuova iniziativa dei top club europei. FIFA e UEFA hanno ribadito che le squadre che prenderanno parte alla The Super League non potranno partecipare alle loro competizioni, ovvero: i campionati nazionali, la Champions League, l’Europa League, la nuova Conference League e il Mondiale per club. Le due federazioni hanno inoltre minacciato che i calciatori delle squadre che parteciperanno a questa super-lega non potranno giocare con le loro rispettive Nazionali. FIFA e UEFA sono pronte a far causa ai club fondatori per una cifra che si aggira tra i 50 e i 60 miliardi di euro: la guerra del calcio è iniziata.