Sarri: “I nostri obiettivi passano da Ronaldo”

“Per lo scudetto c’è anche l’Inter”

, Sarri: “I nostri obiettivi passano da Ronaldo”

“Se siamo pronti ce lo dirà il campo, penso che nessuno possa sapere a che punto è. Per diversi motivi. Il primo è perché veniamo da un’interruzione anomala”

Maurizio Sarri – SkySport

Maurizio Sarri è intervenuto ai microfoni di SkySport in vista della sfida di Coppa Italia tra Juventus e Milan. La sua squadra è ferma da oltre tre mesi, quelli trascorsi dall’ultima sfida ufficiale con l’Inter allo Stadium. Contro i rossoneri, si ripartirà dall’1-1 dell’andata (quando Ronaldo pareggiò dal dischetto la rete di Rebic).

“Abbiamo la fortuna di giocare per tre obiettivi e di poterlo fare separatamente l’uno dall’altro. Questo ci consente di focalizzare le motivazioni su un obiettivo per volta e può essere un qualcosa di importante e vantaggioso. Con il Milan quest’anno per noi sono state tutte partite difficili, sia in campionato che in coppa. Si tratta di un avversario che ci crea delle difficoltà e  il risultato dell’andata non ci garantisce niente”

https://www.instagram.com/p/CBSpDCuqBmr/?utm_source=ig_web_copy_link

“Se siamo pronti ce lo dirà il campo” – continua Sarri – “penso che nessuno possa sapere a che punto è. Per diversi motivi. Il primo è perché veniamo da un’interruzione anomala. In estate i giocatori stanno fermi 30 giorni e lo fanno in modo attivo, facendo nuoto o tennis per esempio. Questa volta l’interruzione è stata passiva. I ragazzi sono stati sul divano e si sono allenati a casa. Non possiamo avere certezze, vista anche la mancanza di amichevoli. Posso essere soddisfatto per quanto visto in allenamento, ma poi il riscontro in partita sarà diverso”.

E su CR7: “Come l’ho ritrovato? Fisicamente sta abbastanza bene, chiaro che anche a lui mancano le partite, la sensazione del campo. Ha fatto un buon lavoro in allenamento e la sensazione è che la gamba risponda bene. È un aspetto positivo perché il nostro futuro, e i nostri tre obiettivi stagionali, passano da lui”

Per lo scudetto c’è anche l’Inter: “Con 13 gare da giocare bisogna considerare anche i nerazzurri. Questo sarà un inizio con tante incognite, perdere punti può essere facilissimo”.