Orsolini guida le 5 scommesse a centrocampo

L’esterno rossoblu guida le 5 scommesse da schierare a centrocampo.

, Orsolini guida le 5 scommesse a centrocampo
As Roma 07/02/2020 – campionato di calcio serie A / Roma-Bologna / foto Antonello Sammarco/Image Sport nella foto: esultanza gol Musa Barrow

La Serie A non si ferma un attimo, e con lei noi di Che Fatica La Vita Da Bomber non vi abbandoniamo, consigliandovi le 5 scommesse da schierare a centrocampo per la quinta giornata di Serie A.

RICCARDO ORSOLINI (BOLOGNA-GENOA)

Schierando Orsolini si parte già potenzialmente con un piccolo vantaggio.
Il 24enne di Ascoli Piceno è infatti sempre schierato da Mister Sinisa tra i tre d’attacco, senza troppi giri di parole è come “giocare” con un attaccante in più.
Tornando alla stagione di Orsolini, il 7 può vantare un assist nelle prime tre giornate, motivo che ci spinge ad inserirlo tra le scommesse e non tra le certezze per la prossima giornata.
Con una fantamedia di 6 spaccato, Orsolini ha iniziato la stagione con l’obiettivo di togliersi quell’amaro in bocca residuo della scorsa stagione. Lo scorso anno infatti ha sfiorato le 8 marcature in A, cifra che resta il suo record siglato nelle stagioni 19/20 e 18/19.
Contro gli si presenta un’avversaria tosta, il Genoa seppur tra le mura amiche rappresenta sempre un’insidia, complice ovviamente una buona difesa tra esperienza e freschezza, ma se avesse avuto la strada spianata non sarebbe in questa top.
Crediamo comunque che sia destinato a cominciare ad ingranare.

RAZVAN MARIN (CAGLIARI-EMPOLI)

Quando si parla del Rumeno non si da mai la giusta importanza.
Il giocatore ex Ajax è tra i più sottovalutati di tutto il nostro campionato.
Nella scorsa stagione per lui 37 presenze, e seppur con soli 3 gol e 6 assist, resta una vera e propria sicurezza da schierare in situazioni di carestia da attaccanti offensivi.
Quest’anno per lui 3 assist nei primi 4 match in campionato e una fantamedia del 7 pieno, nessuno ci assicura che quest’anno non possa trovare più fiducia anche in zona gol.
L’arrivo di Mazzarri fungerà senza dubbio come stimolo per lui, e la difesa non sempre perfetta dell’Empoli potrà avere non pochi problemi contro i Sardi.
Il motivo per cui vi consigliamo sempre di schierare Marin è la sua continuità. Raramente andrà in rete, certo, ma spesso a fare la differenza in una stagione intera sono le sufficienze costanti che portano acqua vitale per il mulino.

ANTONIO CANDREVA (SAMPDORIA-NAPOLI)

Anche qui, l’Ex Lazio e Inter su tutte dovrebbe essere posizionato in un’altra classifica, ma la caratura imponente dell’avversario ( che ieri sera ha demolito per 4 a 0 l’Udinese) ci porta a inserirlo in questa top.
Per lui un inizio di stagione che rispecchia le aspettative createsi nella scorsa stagione.
Nel 20/21 per Candreva 5 gol e 8 assist, ma le previsioni sono quelle che nonostante le 34 primavere possa superare le marcature e in generale le già ottime prestazioni della scorsa stagione.
La sua fanta media è del 7.5, condita ovviamente da un gol e un assist nelle prime quattro.
Ricordiamo inoltre che l’ex Lazio è uno specialista dal dischetto e in caso di assenza di Fabio Quagliarella il ballottaggio per un eventuale penalty sarebbe tra lui e Ciccio Caputo.

MATTIA ZACCAGNI (TORINO-LAZIO)

Tra chi pensa abbia aspettato troppo e chi crede che in realtà sia troppo presto, Mattia Zaccagni ha con una decina di mesi di ritardo rispetto a quelle che furono le insistenti voci, iniziato il suo sogno in un top club: la Lazio.
Cerca ancora la prima marcatura con l’aquilotto, e chissà che non possa arrivare proprio contro il Torino che lo vide confezionare un assist nella partita d’andata l’anno scoro.
2 gol nella prima giornata contro il Sassuolo e poi l’ultima prestazione completa con la maglia del Verona e due sporadiche presenze da meno di mezz’ora in biancoceleste.
Non ci vuole di certo la zingara per sapere che Sarri non è solito far entrare giocatori dalla panchina in momenti cruciali del match, salvo particolari casi dettati da un’illimitata fiducia frutto di mesi di “convivenza”, fiducia di cui non crediamo Zaccagni goda.
Ma magari, a risultato acquisito potrebbe usufruire degli ampi spazi creati inevitabilmente dal gioco del Toscano dalla sigaretta facile.

ANTONIN BARAK (SALERNITANA-VERONA)

Le sirene inglesi stanno pian piano incominciando a cantare, ma finché Antonin Barak è qui a Verona, noi continuiamo a godercelo e soprattutto, a schierarlo.
Il primo gol lo ha trovato nella scorsa partita contro la Roma, in una vittoria fondamentale della squadra di Tudor. Barak è senza dubbio tra i talenti più cristallini di un Verona che negli ultimi anni ha veramente sfornato fenomeni.
La scorsa stagione 7 i gol in Campionato, resta la migliore stagione per centri alla pari di quella del 2017/18.
La sua fantamedia è del 6.7, ma occhio perché dalla prossima giornata potrebbe impennarsi.

Scritto da Giacomo Esposito - Guarda la Redazione