Pantani, Ma Pantani era diversoMa Pantani era diverso… Marco Pantani, o meglio detto “il pirata” per il suo originale look è stato un vero fenomeno del ciclismo su strada, o meglio un vero cannibale capace di vincere due delle più importanti corse a tappe del mondo, di sicuro le più seguite, nello stesso anno, il GIRO D’ITALIA  e il TOUR DE FRANCE, impresa riuscita a pochissimi campioni di questo sport. Ma Marco era diverso, sembrava come fosse nato in bicicletta per la semplicità con la quale scalava salite agli occhi di molti quasi impossibili e dove molti corridori, spesso nessuno, riuscivano a stargli dietro.

Qualcuno a volte paga per tutti e qualcuno incassa per tutti. Ti fa capire che fa parte del gioco ma bisogna dimostrare di essere forti anche moralmente nei momenti un po’ difficili

 Oggi il pirata Pantani di Cesena avrebbe compiuto 47 anni e noi lo vogliamo ricordare con una delle sue più grandi imprese. Eravamo piccoli, intorno ai 10 anni, e su quella tappa eravamo presenti insieme ai nostri genitori che ci portarono per vedere LUI, a Oropa. Lui che poi diventò un amore in cui non era necessario guardare tutte le tappe (in fondo non siamo mai stati appassionati di ciclismo). Quello che era importante era sapere che alla fine vinceva lui. La vittoria in rimonta nella tappa di Oropa, nel giro d’Italia del 1999, dove vinse quando molti avrebbero mollato. Quella era la sua giornata, la tappa di Marco Pantani, e lui non poteva deludere i migliaia di tifosi che lo avevano seguito. Così ha deciso di tirare fuori una di quelle prestazioni che solo chi è predestinato a essere il numero uno è capace di fare. Quel giorno Marco ha mostrato a tutto il mondo il suo immenso talento facendo un vero e proprio capolavoro capace di far interessare e innamorare di questa storia moltissime persone, alcune delle quali non erano neanche particolarmente appassionate di ciclismo. E’ considerato da molti il ciclista più forte di tutti i tempi, da alcuni invece solo un povero sportivo che si dopava per vincere e per altri ancora un drogato. Ormai già 13 anni fa il 14 febbraio del 2004 ci ha lasciato tutto il mondo era in lutto per uno degli sportivi Italiani più grandi di sempre.
SARAI SEMPRE CON NOI, AUGURI PIRATA!!

 

Sono caduto e mi sono rialzato tante volte, stavolta non so se ce la farò.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here