Leonardo Pavoletti curiosità e intervista

Leonardo Pavoletti curiosità e intervista sull’attaccante del Cagliari. Tutte le cose che non sapevi sull’ariete di Livorno raccontate nella diretta live su Chefaticalavitadabomber.

leonardo pavoletti, Leonardo Pavoletti curiosità e intervista
Db Parma 26/03/2019 – qualificazione Europeo 2020 / Italia-Liechtenstein / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Leonardo Pavoletti

Chefaticalavitadabomber live con Leonardo Pavoletti. A scendere in campo per il Team di Chefaticalavitadabomber uno dei tre volti della community, Michel Zegna, in arte Mitch CFVB. Non la solita intervista, ma una chiacchierata senza freni su tutta la carriera di Leonardo Pavoletti, ex attaccante di Sassuolo, Napoli e attuale bomber del Cagliari.

TI SEI PERSO LA DIRETTA CON CIRO IMMOBILE E JESSICA MELENA –
(CLICCA QUI)

Chefaticalavitadabomber live con Leonardo Pavoletti

La riabilitazione dopo la rottura del crociato

“Sto iniziando a correre! Ho ancora qualche risentimento, ma continuo a lavorare. La riabilitazione anche in questo periodo sono riuscito a seguirla alla lettera e per me questo molto importante!”

La prima convocazione con la Nazionale

“La prima volta l’ho saputo da Sky. E’ stato bello!”

Non solo calcio ma anche tennis

“Da piccolo giocavo quasi solo con la racchetta in mano. Mio padre era un insegnante di tennis. Lui allenava anche Pippo Volandri. Mi piacciono anche il basket e il pugilato, ma li seguo meno”

La squadra che mi è rimasta nel cuore

“Al Genoa se devo dirti una squadra di Serie A. Il Varese e il Lanciano avranno sempre un posto speciale nel cuore. Lì, ho passato degli anni fantastici”

Al Napoli per mille motivi non ho trovato spazio

“Al Napoli il rimpianto maggiore. Forse è la squadra dove non ho trovato il giusto ritmo. Mi sarebbe bastato un gol per sentirmi più parte della squadra. Nello spogliatoio mi sono sempre trovato benissimo. Ho sempre dato il massimo, ma tra l’infortunio e il grande valore di quella rosa ho faticato”.

Lasciare il Genoa

“Essere andato via dal Genoa forse è stata una cosa sbagliata nella mia carriera. Mi sentivo ben voluto da tutti, i tifosi mi esaltavano.”

Immobile il giocatore più forte

“Immobile oggi è il giocatore più forte della Serie A. Con lui parti sempre in vantaggio.”

Leonardo Pavoletti: I miei idoli!

“Van Basten, ma il Milan di Sacchi in generale era proprio devastante. Ronaldo il fenomeno con caratteristiche diverse naturalmente ha scritto pagine di calcio fantastiche.”

Hamsik devastante! Chiellini micidiale!

“Hamsik è devastante. Una facilità con entrambi i piedi pazzesca. Chiellini ha una cattiveria micidiale. Anche in allenamento sempre presente su tutti i palloni. Giorgio Chiellini è un giocatore di un livello altissimo”.

Campionato si o no?

“Dobbiamo fare le cose per bene. Se ci saranno le possibilità ben venga. Se la situazione non migliora sarebbe giusto anche fermarsi.”

Leonardo Pavoletti: Tornare presto a giocare

“Spero di tornare presto! Sicuramente a settembre ma se dovesse ricominciare il campionato magari qualche minuto lo faccio”

Leonardo Pavoletti: Carriera e Titoli

Leonardo Pavoletti è nato a Livorno il 26 novembre 1988. Il suo rapporto con la sfera di cuoio inizia nelle file del Gruppo Sportivo C.N.F.O. Per lui tana gavetta con un’esplosione tardiva nel calcio che conta. Armando Picchi, Pavia, Virtus Lanciano, e Sassuolo, fondamentali tappe della scalata del giocatore. Il 30 gennaio 2015 si trasferisce a Genova sponda rossoblù e pochi mesi più tardi fa il suo esordio con la maglia del grifone. Da qui parte la sua carriera nel calcio che conta.

Nel 2017 viene acquistato dal Napoli, ma con la squadra partenopea non troverà mai il giusto spazio. Il Cagliari ne intravede le potenzialità e lo porta sull’isola. 67 presenze e 27 gol questo il suo biglietto da visita in poco più di 2 stagioni. Nella stagione successiva Leonardo Pavoletti dovrà fermarsi per la rottura del crociato. Tra i titoli in bacheca c’è spazio per quel record di gol segnati di testa, una vera macchina da gol. Nel 2017 infatti su 11 reti complessive ben 9 le metterà a segno di testa.