AD OGNI GOL SUBITO SI CAMBIA

Nasce, cresce e para. Il portiere ha una vita propria, una vita in cui è forse la solitudine a giocare il ruolo principale. Vedere da dietro i propri compagni passarsi il pallone alla ricerca del gol, ti rende più tifoso che giocatore in quel momento. Eppure l’estremo difensore è e rimarrà sempre il ruolo più delicato da ricoprire. Personalità, determinazione e leadership sono elementi fondamentali per poter indossare un paio di guantoni. Chi non è mai stato in porta almeno una volta non può capire… sei solo, solo con i tuoi pensieri sullo sfondo.

Da piccoli nessuno voleva andare in porta, e al parco finiva sempre che ci si alternava o si imponeva una legge darwiniana più o meno condivisa da tutti, pure dagli avversari. Ma più si cresce e più ci si rende conto di quanto sia importante avere un buon portiere. Puoi essere un fenomeno là davanti, capace di segnare 4 reti a partita, ma se dietro non hai un buon portinaio d’area rischi di prendere gol ad ogni tiro del nemico. Ed è ovvio poi che la bella parata passa in secondo piano rispetto ad un gol di facile realizzazione. Il portiere per questo sa bene che non può mai sbagliare. Sa bene che i riflettori puntati su di lui lo illuminano con una luce composta da fotoni di pressione, pronti per essere convertiti in un tipo di energia conosciuta come “entusiasmo”…

ITALIANS DO IT BETTER

Portiere, La solitaria passione del PortiereAd oggi sono molti i portieri che promettono bene per il nostro calcio. Donnarumma ovviamente spicca su tutti. La sua prestazione in casa della Juventus è stata semplicemente spettacolare. A 18 anni il sabato sera si esce per le vie della città a bere una birretta, non si va di certo allo Stadium ad impressionare gli amanti del pallone. Gigio sta mostrando grande carattere, e il bacio alla maglia nel finale di gara rappresenta tutta la sua passione nel fare un mestiere tutt’altro che semplice per un club che ha scritto più volte la storia del calcio.

Tuttavia Donnarumma non è l’unico portiere a farci apprezzare ancora di più questo sport. Come dimenticarsi di Perin? La fortuna purtroppo non è dalla sua parte, ciononostante l’estremo difensore genoano non perde mai il sorriso. Le sue capriole di gioia sotto la curva rossoblù fanno ancora sorridere ogni tifoso, aldilà dei colori supportati. Portiere, La solitaria passione del PortiereUn terzo giocatore che entra in campo dopo il capitano, e che merita uno spazio in questo articolo, è Cristian Puggioni. Un uomo capace di rifiutare il trasferimento in una squadra importante perché lui quella squadra l’ha vista sempre come l’eterna rivale. La sua favola meriterebbe un capitolo a parte…

 

the last but not the list, Antonio Mirante. Dopo il brutto problema avuto all’inizio di questa stagione, il portiere del Bologna si è rialzato tornando a giocare meglio di prima, mostrando a tutti come anche dal peggio a volte si possa uscire con grande forza.

PS: Detto questo, siate gentili coi vostri portieri allacciandoli gli scarpini senza fare storie…

A mio modo, ho cercato di esserti vicino

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here