Kawhi Leonard: la nuova villa da 17 milioni

La stella dei Clippers ha appena acquistato una nuova villa nella città degli angeli. Ecco un tour della sua nuova casa.

, Kawhi Leonard: la nuova villa da 17 milioni

L’ala dei Clippers va in scadenza di contratto quest’estate ma, con l’acquisto di una nuova casa in città, sembra aver dato un segnale a chi lo vedeva lontano dai Clippers la prossima stagione. Grazie anche al suo contratto, che gli permette di guadagnare 34 milioni di dollari all’anno, il nativo di Riverside ha potuto spendere la bellezza di 17 milioni per la sua nuova dimora. Kawhi non è nuovo in quanto a investimenti immobiliari. Possiede, infatti, anche una tenuta del valore di 13 milioni di dollari a Rancho Santa Fe, nella periferia di San Diego. Oltre a questa, Kawhi non si fa mancare anche un appartamento di quasi 7 milioni al Ritz Carlton di Los Angeles, situato nei pressi dello Staples Center.

La nuova villa di Kawhi Leonard

La nuova casa si trova a Pacific Palisades, una delle aree più lussuose di Los Angeles, che sorge in cima a un promontorio dal quale si può godere di una vista mozzafiato sull’oceano. La tenuta, che copre oltre 1.000 metri quadrati, è stata progettata e costruita per il produttore cinematografico Ryan Kavanaugh, fondatore di Relativity Media, ora in bancarotta.

La casa è stata completata nel 2018 e messa in vendita appena un anno dopo per 25 milioni di dollari. Oggi il suo valore è sceso fino a 17 milioni, cifra che ha convinto il giocatore ex San Antonio ad acquistarla.


All’esterno la villa mostra in uno stile conservatore, con un rivestimento in grigio e i particolari (cancello, porte, finestre) di colore bianco. Al suo interno è divisa su tre piani, su cui sono presenti non meno di 6 camere da letto, ognuna dotata di bagno personale e vista sull’oceano e le colline circostanti.

Il piano inferiore, invece, è dedicato all’area giochi e relax, con un tavolo da biliardo e una cantina che può contenere fino a 960 bottiglie, oltre a un cinema dotato di 10 comodissime poltrone, che ogni giocatore NBA che si rispetti non può non avere in casa. Ovviamente non può non mancare la consueta piscina esterna. Insomma, possiamo con tutta certezza dire che ci sono posti peggiori dove vivere.