Inter: Il nuovo presidente classe ’91

Notizia fresca, Steven Zhang ufficialmente è il nuovo presidente dell’Inter…
Per un trentenne come me, cresciuto nell’era degli Agnelli, di Moratti, Silvio e Galliani ma anche Gaucci, Tanzi e Cragnotti con tutti i loro scandali, Sensi Franco e Sensi Rosella sapere che un ragazzo di 26 anni, cinese è alla presidenza dell’Inter fa strano e fa pensare…

inter, Inter: Il nuovo presidente classe ’91

 

Forse per quelli un po’ romantici come me che ricordano le spese folli di Moratti, le interviste di Gianni Agnelli, la cravatta gialla di Galliani, la passione e la “garra” di Gaucci, resta l’idea del presidente innamorato, del presidente appassionato per cui i giocatori sono come figli e si fa fatica ad accettare che tutto quanto abbia preso la via del mero marketing…
Che gli sponsor arabi e cinesi, filippini e malesi facciano comodo, che le risorse dagli USA servano, che la pubblicità in Qatar sia fondamentale puó anche essere vero, possiamo capirlo e lo comprendiamo…

Come si dice: “Accetto ma non condivido” e personalmente i padri/presidenti li rimpiango, mi ricordano un calcio anni 80/90, il mio calcio, quello della mia generazione, quello dell’Inter di Ronaldo che non vince mai, quello della “Juve che ruba”, quello del Milan d’Europa, Lazio e Roma che chiudono il vecchio ed aprono il nuovo millennio con due scudetti, il Parma di Malesani, la Fiorentina di Cecchi Gori, Batigol e Rui Costa ed il Brescia di Corioni, Mazzone e Baggio…

Quello era il mio calcio, i cinesi vendevano riso e copiavano le nostre magliette…

A Roma e Bologna oggi abbiamo gli americani, Parma ed Inter cinesi, Milan dopo anni di guai orientali sono tornati “italiani”, la Juve dopo la parentesi Cobolli Gigli è tornata a dominare con gli Agnelli e per fortuna la viola si tiene i DellaValle e la Lazio ci da soddisfazione col Gaucci del nuovo millennio Claudione Lotito!

Sperando che queste cose servano a rilanciare l’intero movimento, io mi tengo stretti i miei ricordi e guardo avanti con la speranza di tornare indietro…


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Gli spaventosi numeri di Arthur Melo