Gli attaccanti più forti della storia del calcio

attaccanti più forti, Gli attaccanti più forti della storia del calcio
Mg Berlino (Germania) 06/06/2015 – finale Champions League / Juventus-Barcellona / foto Matteo Gribaudi/Image Sport nella foto: Lionel Messi-Neymar-Luis Suarez

John Madden, storico allenatore della NFL, una volta disse: “L’attacco fa vendere i biglietti, ma la difesa fa vincere le partite”, frase che in seguito venne applicata anche nel mondo del calcio. Basti vedere quanto abbia smosso a livello economico e di coinvolgimento dei tifosi il recentissimo acquisto di Leo Messi da parte del PSG o il trasferimento, quasi impronisticabile, di Cristiano Ronaldo dal Real Madrid alla Juventus.

Ma quali sono stati i tridenti d’attacco che si sono maggiormente messi in luce, grazie alle loro prodezze, nella storia del calcio?

Di Stefano-Puskas-Gento (Real Madrid 1960)

Secondo France Football, storica rivista francese ideatrice del Pallone d’Oro, il tridente composto da Di Stefano-Puskas-Gento, che guidò il Real Madrid del 1960, è il migliore della storia della Coppa dei Campioni o Champions League e raggiunse il suo apice proprio nella vittoria per 7-3 contro l’Eintracht, quando Puskás e Di Stéfano realizzarono rispettivamente 4 e 3 gol.

Maradona-Giordano-Careca (Napoli 1987/1988)

La Ma.Gi.Ca del Napoli non poteva mancare in questa speciale classifica. Questo Tridente incantò a suon di giocate lo stadio San Paolo, anche se c’è da ricordare una strana curiosità: nei due scudetti conquistati dal Napoli in quegli anni, solo Maradona fu presente in entrambe le occasioni, vincendone prima uno con Bruno Giordano, quando non c’era ancora Careca, e poi un altro con Careca quando invece a mancare era proprio Giordano.

Del Piero-Vialli-Ravanelli (Juventus 1996)

Classe, potenza e sacrificio, basterebbero queste tre semplici parole a descrivere il tridente della Juventus di metà anni 90, composto da Del Piero, Vialli e Ravanelli che portò i bianconeri alla conquista della Champions League del 1996.

Ronaldo-Rivaldo-Ronaldinho (Brasile 1999/2002)

Tridente tutto fantasia quello del Brasile, che si aggiudicò prima la Copa America del 1999 in Paraguay e successivamente il Mondiale del 2002 in Giappone e Corea del Sud. Un attacco dal potenziale stratosferico, dotato di tecnica, genialità, visione di gioco e potenza.

Messi-Neymar-Suárez (Barcellona 2015)

L’acquisto del Barcellona di Luis Suarez, che andò a formare, insieme a Messi e Neymar, uno tra i tridenti più completi e letali di sempre, fece inizialmente storcere il naso a Johan Cruyff, secondo il quale avrebbe snaturato la filosofia di gioco del club catalano:

Non capisco come riusciranno a fare un gioco di squadra con loro tre in campo”.

Johan Cruyff

Ovviamente i fatti e la storia gli diedero torto, dato che i tre si completavano e sembravano nati per giocare insieme.

Cristiano Ronaldo-Benzema-Bale (Real Madrid 2013/2018)

13, sono i trofei conquistati dal Real Madrid nel quinquennio che va dal 2013 al 2018, quando l’attacco era guidato da CR7, Benzema e Gareth Bale. Tra le imprese che vanno senza dubbio ricordate, ci sono le conquiste delle 4 Champions League di cui 3 di fila.

Pelè-Garrincha-Vavà (Brasile 1958)

Per gli amanti del calcio, l’attacco del Brasile che sbalordì il mondo nel 1958, è qualcosa da ricordare per sempre. Pelè, Garrincha e Vavà furono il terminale perfetto di una squadra che non aveva punti deboli.

Robben-Ribery-Lewandowski (Bayern Monaco)

Tantissimi attaccanti fortissimi hanno vestito la maglia del Bayern Monaco nel corso degli anni, ma pochi hanno lasciato il segno come Robben, Ribery e Lewandowski. La classe, il dribbling e la velocità del duo Robbery trovava sfogo nel senso del gol di Lewandowski.

Eto’o-Milito-Sneijder (Inter 2010)

Gli eroi del Triplete. Samuel Eto’o, arrivato a Milano grazie allo scambio con Ibra, Sneijder è quella ciliegina sulla torta inaspettata a fine mercato, Diego Milito il terminale offensivo capace di realizzare gol pesantissimi.

Messi-Neymar-Mbappè (PSG 2021)

Sulla carta, il nuovo tridente del Paris Saint Germain ha le potenzialità di diventare il migliore di sempre. Perciò non ci resta che aspettare e goderci le prodezze che sicuramente ci sapranno regalare questi fantastici giocatori.

Scritto da CFVB - Guarda la Redazione