Gesti che fanno la storia: Il Toro di Sora sconfigge il Diavolo

toro di sora, Gesti che fanno la storia: Il Toro di Sora sconfigge il Diavolo

1 dicembre 1996, Stadio Galleana, il Piacenza di Bortolo Mutti ospita il Milan guidato da Oscar Washington Tabarez. I biancorossi chiudono il primo tempo in vantaggio per due reti a zero, i cori di un pubblico festoso accompagnano le compagini negli spogliatoi. Protagonisti sul tabellino di gara fino a quel momento: Valoti dai 30 metri e Di Francesco dai 20, e per ben due volte Sebastiano Rossi al centro della bufera (2 parere – 2 gol subiti).

L’intuizione di Tabarez riapre la gara, fin dai primi passi in campo. Dugarry al posto di Locatelli, due giri di accordi che stendono la difesa piacentina, due colpi da quali non è facile riprendersi.

3 minuti e Luiso colpisce il Diavolo e questa gesto farà la storia. Il “Toro di Sora” stoppa di petto, sale in aria e in rovesciata colpisce il pallone. Il tiro in acrobazia non sembra avere la forza giusta per finire in rete, ma la traiettoria è talmente perfetta che il bacio al palo ricorda quello accademico. Che goal ragazzi! Questa è poesia, questa è pazzia, questo si chiama calcio.