Fresh And Sneak: Le Nike di Sir Charles

corri forrest, Fresh And Sneak: Le Nike di Sir Charles


Come si fa a non amare Charles Barkley? Io l’ho amato talmente tanto che non ho potuto fare a meno di indossare e di consumare le “sue scarpe” in un’epoca lontana, in quelli che per Sir Charles sono stati gli anni migliori. Campione controverso sia dentro, che fuori dal campo, è sempre stato guidato da una personalità debordante, confermata a pieno anche negli ultimi anni, da quando è riuscito a ritagliarsi con grande successo un ruolo di primo piano come analista sportivo e commentatore per TNT, al servizio della NBA, insieme ai suoi amici Kenny Smith e Shaquille O’ Neal. 


La sua stagione più folgorante rimane quella 1992/1993, la prima con la canotta numero 34 dei Phoenix Suns dopo otto anni non facili nella città dell’amore fraterno: con una media di 25.6 punti, 12.2 rimbalzi e 5.1 assist vince infatti il titolo di MVP, a memoria mi pare di ricordare unico campione nella storia del gioco con questo primato ma senza anello al dito. 
L’anello calzerà invece a pennello ai Chicago Bulls di MJ che, in finale, battono proprio i viola di Barkley per 4-2, siglando il primo Three-Peat della loro storia. 

corri forrest, Fresh And Sneak: Le Nike di Sir Charles


Top scorer del Dream Team di Barcellona ‘92 (la squadra più forte al mondo), in quella meravigliosa parentesi spagnola indossa le iconiche Nike Air Force 180 “Olympic”, studiate e realizzate apposta per lui, ma io sono sempre andato pazzo per le sneakers che portò con sè nella stagione da MVP ai Suns.


Durante la prima stagione al sole dell’Arizona Sir Charles alterna due tipi di Nike Air Force Max CB 93: quelle a strap con la tipica colorway base nera e purple con inserti bianchi (in omaggio al viola dei Suns) e quelle con la colorway bianca e il numero 34 cucito sul collo del piede, con suola viola. Una generosa camera d’aria sul tallone per attutire l’impatto terra-aria di uno dei più grandi rimbalzisti di sempre completa la silhouette di questi due modelli, a cui seguì, un anno dopo, una evoluzione sempre a strap, che si concretizzò nelle Nike Air Force Max 2 CB ‘94


Tutte sneakers epocali ampiamente immortalate in una serie di commercial che potete ancora recuperare sul tubo, con il nostro eroe protagonista assoluto. Un vero spasso.

Articolo precedenteI tifosi superano i limiti e il risultato è unico
Prossimo articoloSancho pronto a partire direzione Premier League
Chicco Giuliani
Bolognese di nascita (sponda Fortitudo), ma riccionese d’adozione, Chicco Giuliani è “Deejay” da sempre e divide i suoi impegni tra radio, musica, e mondo della comunicazione. Esordisce in radio all’ età di 17 anni, quando frequenta ancora il Liceo Classico Marco Minghetti di Bologna. Dopo il liceo, arrivano i villaggi turistici, ma anche la Laurea in Giurisprudenza all’Università di Bologna e la tessera da giornalista pubblicista. Del praticantato da avvocato invece, neanche a parlarne. Dopo gli esordi nelle radio locali bolognesi (la prima è stata Radio Sfera Regione, si, proprio quella frequentata anche da Roberto Ferrari!), la lunghissima gavetta radiofonica lo porta al microfono di tante altre radio in giro per l’Italia, ma anche all’estero, a collaborare con Radio San Marino/San Marino Rtv, Radio-Tv di Stato della piccola grande Serenissima Repubblica. Contemporaneamente alla radio, che rimane sempre il primo mestiere e la prima passione, quella con la P maiuscola, Chicco esplora anche altri campi della comunicazione, collaborando per circa due anni con Il Resto del Carlino-QN, prima di passare all’agenzia di stampa AdnKronos, scrivendo spesso e volentieri di musica e spettacolo anche per periodici musicali specializzati, come “Trend Wave” e “Traxx”. Ha curato l’Ufficio Stampa dell’ Aquafan di Riccione per tre bellissime stagioni e ha collaborato con l’Assessorato al Turismo di Rimini, occupandosi anche di contenuti per il web. Come dj e produttore, invece, le più recenti stagioni professionali e (soprattutto) balneari, le ha vissute a Riccione, suonando in molti club rivieraschi di riferimento. Ha partecipato a due edizioni della Molo Street Parade di Rimini (2013 e 2014) suonando nel main-stage, e in questi anni ha altresì avuto modo di dividere la consolle con tanti djs e producer di fama mondiale. Nella primavera 2014 col suo singolo “Bollelai”, è arrivato fino alla posizione n. 12 della Deep House Chart di Beatport; la sua traccia “Around”, rilasciata dalla leggendaria King Street di New York, è stata invece inclusa in “House of Ibiza 2015 Sampler Ep” e in “Amsterdam 2015”, mentre il singolo “Disco”, licenziato da Ministry of Sound, è stato pubblicato d’estate su “Hed Kandi Ibiza 2016”, il capitolo estivo della famosissima collana di compilation internazionali dedicato ai successi dell’isola Balearica. Da Giugno 2017 fino ad Agosto 2019 ha condotto Megajay, mentre nella stagione 2019/2020 è al timone di Nightcall insieme a Vittoria Hyde nella notte di Radio Deejay, dal lunedì al giovedì dall’una alle tre, e il sabato tra le 20 e le 23