Fresh And Sneak: “Corri Forrest, Corri!”

corri forrest, Fresh And Sneak: “Corri Forrest, Corri!”

Le scarpe da corsa con la punta a missile e la tipica suola a seghetto, o se preferite a spina di pesce, hanno segnato un’era e sono molto più di una sneaker: sono gli anni ‘70, sono sport, sono cinema, sono pop, sono moda, sono cultura urbana, sono jogging e running quando queste attività non erano ancora “mainstream”, sono la prima scarpa ginnica ad indossare il celeberrimo Swoosh, e sono pure le Nike di Forrest.

La lunga strada delle Cortez

Ma la storia parte da lontano, nel 1968, quando questa iconica scarpa da corsa fu disegnata originariamente senza il baffo che tutti conosciamo, in una specie di prototipo chiamato “Corsair”, quando Nike  si chiamava ancora “Blue Ribbon Sports”.

La nascita delle future Cortez la dobbiamo a Bill Bowerman, allenatore americano di atletica leggera e co-fondatore di Nike, imprenditore illuminato e coach che voleva inventare una fenomenale scarpa da running per i suoi ragazzi, studiata e realizzata per correre veloce come il vento, confortevole anche sotto sforzo grazie ad uno speciale rialzo nel tallone, da sempre punto debole di ogni corridore. Le Cortez debuttano sul mercato nel 1972, in concomitanza con le Olimpiadi di Monaco di quello stesso anno, e vengono presentate dall’azienda di Portland come le scarpe dei maratoneti, fama poi confermata negli anni successivi dai tanti campioni (reali o di fantasia) che le hanno indossate, compreso il nostro eroe Forrest Gump, che con queste sneakers ai piedi ci attraverserà tutta l’America, come ben sapete.

corri forrest, Fresh And Sneak: “Corri Forrest, Corri!”

Da quel 1972, di strada ne hanno calpestata tanta le Cortez, e tantissimi sono stati i testimonial di questa sneaker senza tempo, più volte ritornata sul mercato in tantissime versioni, attraversando in grande spolvero tutti i ‘70 e gli ‘80, ma prepotentemente di nuovo in auge anche nei ‘90 in era post Forrest Gump, che agli Oscar del 1995 si porterà a casa ben sei statuette, sdoganando il concetto di “corsa con ai piedi le Cortez” a tutto il mondo, grazie a Tom Hanks e a Robert Zemeckis.
I ragazzi dei ‘70 le ricorderanno pure ai piedi della vaporosa Farah Fawcett in skateboard sul set di Charlie’s Angels, ma per noi dei ‘90 rimarranno sempre quelle di “Corri Forrest, Corri!”.

Articolo precedenteFresh And Sneak: Adidas Superstar
Prossimo articoloMa Sul Serio? Ilicic, Azmoun e Bennacer
Chicco Giuliani
Bolognese di nascita (sponda Fortitudo), ma riccionese d’adozione, Chicco Giuliani è “Deejay” da sempre e divide i suoi impegni tra radio, musica, e mondo della comunicazione. Esordisce in radio all’ età di 17 anni, quando frequenta ancora il Liceo Classico Marco Minghetti di Bologna. Dopo il liceo, arrivano i villaggi turistici, ma anche la Laurea in Giurisprudenza all’Università di Bologna e la tessera da giornalista pubblicista. Del praticantato da avvocato invece, neanche a parlarne. Dopo gli esordi nelle radio locali bolognesi (la prima è stata Radio Sfera Regione, si, proprio quella frequentata anche da Roberto Ferrari!), la lunghissima gavetta radiofonica lo porta al microfono di tante altre radio in giro per l’Italia, ma anche all’estero, a collaborare con Radio San Marino/San Marino Rtv, Radio-Tv di Stato della piccola grande Serenissima Repubblica. Contemporaneamente alla radio, che rimane sempre il primo mestiere e la prima passione, quella con la P maiuscola, Chicco esplora anche altri campi della comunicazione, collaborando per circa due anni con Il Resto del Carlino-QN, prima di passare all’agenzia di stampa AdnKronos, scrivendo spesso e volentieri di musica e spettacolo anche per periodici musicali specializzati, come “Trend Wave” e “Traxx”. Ha curato l’Ufficio Stampa dell’ Aquafan di Riccione per tre bellissime stagioni e ha collaborato con l’Assessorato al Turismo di Rimini, occupandosi anche di contenuti per il web. Come dj e produttore, invece, le più recenti stagioni professionali e (soprattutto) balneari, le ha vissute a Riccione, suonando in molti club rivieraschi di riferimento. Ha partecipato a due edizioni della Molo Street Parade di Rimini (2013 e 2014) suonando nel main-stage, e in questi anni ha altresì avuto modo di dividere la consolle con tanti djs e producer di fama mondiale. Nella primavera 2014 col suo singolo “Bollelai”, è arrivato fino alla posizione n. 12 della Deep House Chart di Beatport; la sua traccia “Around”, rilasciata dalla leggendaria King Street di New York, è stata invece inclusa in “House of Ibiza 2015 Sampler Ep” e in “Amsterdam 2015”, mentre il singolo “Disco”, licenziato da Ministry of Sound, è stato pubblicato d’estate su “Hed Kandi Ibiza 2016”, il capitolo estivo della famosissima collana di compilation internazionali dedicato ai successi dell’isola Balearica. Da Giugno 2017 fino ad Agosto 2019 ha condotto Megajay, mentre nella stagione 2019/2020 è al timone di Nightcall insieme a Vittoria Hyde nella notte di Radio Deejay, dal lunedì al giovedì dall’una alle tre, e il sabato tra le 20 e le 23