FIFA 21, un presunto dipendente vende carte FUT a 2500$ l’una

Scopri come un operatore EA è riuscito a cedere in cambio di soldi reali della carte nella modalità Ultimate Team.

Fifa, FIFA 21, un presunto dipendente vende carte FUT a 2500$ l’una

Quante partite dobbiamo giocare per poterci permettere Ronaldo Prime Moment? Esatto troppe. Un ragazzo però, stancatosi di giocare con i soliti Rashford, Varane e Kantè, ha deciso di contattare un dipendente della EA farsi passare sottobanco le migliori carte del gioco, in cambio non di crediti o FIFA-Points ma bensì di soldi veri. Per sfortuna sua e del presunto operatore sono stati beccati e, siccome l’azione è illegale, sono partite le indagini.

Numeri da far girare la testa

Il videogioco sviluppato da EA Sports, il ventottesimo capitolo della serie di Fifa, è arrivato a 325 milioni di copie vendute, ed è anche primo per vendite di copie sia digitali che fisiche. La modalità FUT è una tra le più apprezzate tra gli appassionati, con i giocatori che collezionano le carte raffiguranti tutti i calciatori e costruendosi la squadra dei propri sogni. Ma spesso tale modalità è stata soggetto di polemiche a causa delle micro-transazioni, e la presenza di venditori esterni delle bramate carte è da sempre caratteristica nota.

EA Gate

Ieri un presunto dipendente della EA è stato accusato di aver venduto delle carte FUT in cambio di denaro reale, da qui è scoppiato il putiferio su twitter. È iniziato tutto da un ragazzo che ha pubblicato gli screen nei quali tratta con il dipendente. La conversazione si concentra sui prezzi della nuove carte disponibili da poco, in particolare di 2500 dollari per una carta Prime Moments di R9, la carta più costosa del gioco, e 1000$ per la stessa versione di Gullit. Il compratore ha chiesto come sarebbe avvenuto lo scambio, e la risposta è stata che si sarebbe trovato con le carte direttamente sul suo profilo. EA ha rilasciato un tweet ieri sera verso le 10 dichiarando di aver iniziato le indagini interne, e che tutti i membri della community saranno aggiornati non appena la situazione sarà più chiara.