Per un bambino l’infanzia dovrebbe essere il periodo più bello, spensierato e divertente della vita. Certe volte, però, crescere è difficile. Ancor di più se lo fai in un ambiente dove la criminalità e la povertà ti fanno da padrone.

, Dalle Favelas al Maracanà… inseguendo un sognoE’ il caso delle Favelas di Rio de Janeiro, tristemente note per lo stato di degrado in cui riversano. Ogni giorno vissuto li è una conquista perché il domani non è mai dato per scontato. Agglomerati e baracche sorte spontaneamente nei dintorni del centro abitato, quello ben più vivibile e sicuro. Nelle Favelas i bambini giocano a calcio, sempre e ovunque. Non c’è modo migliore per sentirsi liberi e spensierati. Non c’è modo migliore per dimenticare tutto ciò che li circonda. Non c’è modo migliore per sognare una vita diversa puntando a diventare come i loro idoli di sempre: Pelè, Ronaldo, Ronaldinho, Zico, Cafù e via dicendo. SONO SOLO SOGNI. E’ vero. Ma se ti fermi a guardare, con l’ingenuità di un bambino, uno scorcio di orizzonte allora puoi intravedere un futuro migliore, non molto lontano da li’. Il Maracanà è a un passo, i bambini lo osservano e si perdono nel film della loro vita. “Lo Stadio dei sogni”, proprio così. Se gli hanno dato quel soprannome un motivo ci sarà…lasciamoli sognare.

 

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here