Cosa fanno oggi i giocatori dell’Inter del Triplete?

Squadra rimasta nel cuore di tutti i tifosi nerazzurri, l’Inter del 2010 raggiunse lo storico traguardo della conquista del Triplete. Che fine hanno, però, quei calciatori? Scopriamolo insieme.

, Cosa fanno oggi i giocatori dell’Inter del Triplete?
Mg Abu Dhabi (Emirati Arabi Uniti) 15/12/2010 – mondiale di calcio per club / Seongnam Ilhwa-Inter / foto Matteo Gribaudi/Image Sport nella foto: formazione Inter

Julio Cesar

Nell’Inter del triplete, Julio Cesar collezionò 54 presenze. Con una parata, quella su Messi al Camp Nou, mise la sua firma indelebile sulla conquista della Champions. Dopo brevi esperienze con QPR, Toronto, Benfica e Flamengo, ha iniziato con la carriera da procuratore, oltre a essere Brand Ambassador dell’Inter.

Maicon

Maicon fu a tutti gli effetti attaccante aggiunto della squadra in certe occasioni. Il terzino brasiliano è tornato a giocare in Italia a gennaio nel Sona, club veneto che milita nel girone B di Serie D. L’amore per il calcio è più importante della categoria.

Ivan Cordoba

Nell’anno del Triplete non è uno dei titolari, ma si rivela sempre prezioso quando è il suo momento. Dopo il suo addio al calcio ha fatto parte della dirigenza dell’Inter fino al 2014 per poi diventare procuratore. Dal febbraio del 2021 è diventato nuovo socio e Consigliere Delegato per l’Area Sportiva del Venezia Calcio.

Lucio

Nell’Inter è sempre stato titolare della difesa. Nel 2012 stravolge il mondo nerazzurro con il suo passaggio alla Juventus di Antonio Conte, ma l’esperienza dura pochi mesi. Tornato in brasile, si è ritirato a fine gennaio 2020 a 41 anni, dopo un’ultima esperienza alla Brasiliense. In una recente intervista alla Gazzetta dello Sport ha rivelato di voler continuare nel mondo del calcio.

Javier Zanetti

Bandiera del club nerazzurro, in cui era arrivato nel 1995 e che ha lasciato solo nel 2014, dopo ben 858 presenze e una marea di record. Subito dopo essersi ritirato, è diventato vicepresidente dell’Inter, carica che ricopre ancora oggi.

Cristian Chivu

Chivu ha chiuso la carriera nerazzurra nel 2014, restando però fedele sempre legato a quei colori. Dopo aver ottenuto la licenza per allenare le squadre giovanili, la sua esperienza è iniziata proprio sulla panchina dell’Under 14 dell’Inter, per poi essere promosso alla guida dell’Under 17 nerazzurra. Oggi allena la Berretti Under 18.

Marco Materazzi

Uomo-spogliatoio per José Mourinho nell’anno d’oro, ha avuto un’esperienza da allenatore in India. Oggi è sempre amatissimo dai tifosi dell’Inter e lui non smette di ricambiare l’affetto, da tifoso e partecipando agli eventi legati al club. Si occupa inoltre di promuovere il proprio brand nell’abbigliamento sportivo.

Walter Samuel

Dopo aver vinto tutto con l’Inter, se ne va nel 2014, quando firma un biennale con il Basilea. Fa il suo ritorno in nerazzurro, come osservatore e collaboratore di Pioli. Poi l’esperienza al Lugano finché nel 2018 entra a far parte dello staff tecnico della Seleccion argentina. Oggi è il vice del Ct Scaloni.

Davide Santon

Con i suoi 19 anni, chiude la stagione d’oro con l’Inter con 15 presenze, partecipando a tutte le competizioni. Poi viene mandato in prestito al Cesena, al Newcastle, poi il rientro all’Inter e, oggi, la Roma, con 5 presenze in campionato nella stagione in corso.

Esteban Cambiasso

Cambiasso lascia l’Inter nel 2014 per passare al Leicester. acquistato dall’Olympiacos, chiude la carriera da giocatore, per seguire i corsi che lo portano a conseguire la licenza da allenatore. Ha fatto parte dello staff tecnico della Colombia ai Mondiali 2018, oggi è un commentatore sportivo per Sky Sport.

Thiago Motta

Thiago Motta ha chiuso la carriera da giocatore del Psg, dove è poi iniziata la sua avventura in panchina. Fin da subito si è messo in evidenza per il bel calcio proposto dalle squadre giovanili che allenava, incuriosendo Preziosi che lo riporta al Genoa, nell’ottobre 2019. Dopo solo 10 partite tra campionato e coppa Italia e solo 2 vittorie, a fine dicembre viene esonerato. A settembre 2020 ha conseguito l’abilitazione al Master Uefa Pro di Coverciano risultando il primo della classe con 108/110.


CHE FINE HANNO FATTO ETO’O, MUNTARI E IL PRONCIPE?
ECCO COSA FANNO?