C’è Messias tra le 5 scommesse in attacco

, C’è Messias tra le 5 scommesse in attacco
, C’è Messias tra le 5 scommesse in attacco
MILAN, ITALY – FEBRUARY 13:Ante Rebic of AC Milan looks on during the Coppa Italia Semi Final match between AC Milan and Juventus at Stadio Giuseppe Meazza on February 13, 2020 in Milan, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Junior Messias (BOLOGNA-CROTONE). Il brasiliano di casa Crotone è tra i più positivi di questo inizio di stagione. Dai suoi piedi passano tutte le azioni offensive del Crotone e diciamo che il solo gol in 8 partite è un bottino decisamente magro per il numero 30. Contro il Bologna potrebbe dire la sua, e quindi non fatevi trovare impreparati.

Ante Rebic (MILAN-FIORENTINA). E’ tornato dopo un lungo stop e da quello che ci ha fatto vedere nelle prime apparizioni, l’uomo che ha fatto la differenza nello scorso fantacalcio potrebbe tornare protagonista fin da subito. Contro la Fiorentina non sarà semplice ma il suo gioco privo di riferimenti potrebbe portare bonus di qualità.

M’Bala Nzola (CAGLIARI-SPEZIA). 5 partite giocate, 2 gol a referto e 1 assist testimoniano che il gioco offensivo di Italiano passa tutto dai suoi piedi. Un giocatore in grado di fare sia la boa per far salire la squadra, che il bomber da area. Lo Spezia è la squadra che a livello di gioco ci ha sorpreso maggiormente tra le neo promosse e di certo non andrà a Cagliari a fare la comparsa.

Gianluca Scamacca (GENOA-PARMA). Una sorpresa fino a questo momento, ma già definito dagli addetti ai lavori come il prossimo attaccante della Nazionale italiana. Contro il Parma potrebbe l’occasione per il numero 9 di salire a quota 3 gol in campionato, anche perchè le sue caratteristiche sono quelle ideali per perforare la statuaria difesa avversaria. Scommessa da fare!

Musa Barrow (BOLOGNA-CROTONE). Per poco non è finito nelle sicurezze di giornata. Il buon Musa rappresenta in questa giornata dalle tante insicurezze di titolarità una carta importante per provare a fare la differenza. I primi minuti in posizione esterna fatica sempre un po’ ma con il passare dei minuti potrebbe decidere la gara. Schierare!

Aggiornato il 29 Novembre 2020