“Lo baciai in bocca per soddisfare le mie tendenze omossessuali”

“Cos’é un bacio? Un apostrofo rosa tra le parole t’ amo”. Zlatan Ibrahimovic e Van der Meyde un amore tra pugni e carezze.

Nei primi anni 2000, Van der Meyde giocava nell’Ajax e al suo fianco stava crescendo uno dei giocatori più forti mai visti prima,  Zlatan Ibrahimovic. Proprio a quei tempi è tornato con la mente l’ex giocatore olandese, che ha svelato un divertente ricordo durante la trasmissione televisiva VTBL con protagonista l’attuale attaccante dei Los Angeles Galaxy.

“Ricordo che una volta eravamo in pullman e io ero seduto accanto a Zlatan, come sempre. Lui dormiva e io, che ho tendenze omosessuali, lo baciai in bocca”

omosessuali, “Lo baciai in bocca per soddisfare le mie tendenze omossessuali”

La reazione di Ibrahimovic al suo risveglio è proprio quella che vi immaginate: 

“Lui si svegliò all’improvviso e mi presi due pugni”

omosessuali, “Lo baciai in bocca per soddisfare le mie tendenze omossessuali”

 

 

 

 

 

 

 

 

 


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

https://www.chefaticalavitadabomber.it/i-giocatori-piu-pagati-della-premier-league/

Aggiornato il 20 Novembre 2020

Articolo precedenteScopriamo Elisa Johnson
Prossimo articoloScopriamo Maria Teresa Matus
Avatar
Fabio Tocco uno dei due volti della community di CFVB è un personaggio pubblico, fondatore e creatore del marchio Che Fatica la Vita da Bomber e autore del libro Che Fatica la Vita da Bomber per Mondadori. Il libro scritto a due mani con l'autore Emanuele Stivala racconta sotto una veste ironica le storie di vita di più di 20 di calciatori, arbitri e personaggi del mondo dello sport. Dall'attaccante Patrick Cutrone al difensore della nazionale italiana Francesco Acerbi, dall'arbitro De Marco al talento argentino dell'Atalanta Papu Gomez. Dribbling, gol e momenti epici, lasciano spazio ai segreti più nascosti, una ricerca mai banale ma sempre ironica sul mondo del calcio e dello sport in generale.