Alexander Arnold apre le danze per la festa del Liverpool

Prima Arnold poi Firmino stendono il Chelsea a Stamford Bridge nella prima frazione. Kante si inventa una prodezza e riapre la gara a 20 minuti dal termine del match.

, Alexander Arnold apre le danze per la festa del Liverpool

Da calcio piazzato Alexander Arnold fa partire un missile che si infila sotto l’incrocio dei pali. Il Chelsea non ci sta e pochi minuti più tardi mette prima Tammy Abraham a tu per tu con Adrian, ma il numero 1 dei Reds gli chiude la porta. Ancora la squadra di casa in fase offensiva: Azpiliqueta va in rete ma il Var annulla tutto. Passano 60 secondi e Bobby Firmino di testa sugli sviluppi di un calcio piazzato non lascia scampo a Kepa. 0-2 e thè caldo negli spogliatoi. Il Chelsea torna in campo con la stessa voglia dimostrata nella prima frazione di gioco e al minuto 70 Kante regala al pubblico pagante una vera perla di calcio giocato. Il numero 7 francese prende palla a ridosso dell’area del Liverpool si inventa funambolo e salta tre giocatori nello stretto, e con un tocco perfetto mette la palla sotto il sette. Partita decisamente riaperta.

GUARDA I GOL (1 Arnold – 2 Firmino – 3 Kante)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da I LoVe YoU FuTbOL ⚽ (@_.futbol._love) in data:

GUARDA IL GOL

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Futbol Tribune (@futbol_tribune) in data:

GUARDA IL GOL

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Futizinho (@futizinho) in data:

Articolo precedenteChe gol! Pazzesco
Prossimo articoloMa cos’è successo al Tardini! Gol al volo del nuovo acquisto!
Avatar
Che Fatica La Vita Da Bomber è una tra le community sportive, Instagram e Facebook, più grandi d'Italia. Conta oggi oltre 2 milioni di followers. Anche gli account di Che Fatica La Vita Da Bomber Twitch e TikTok sono in espansione. I loro volti sono quelli di Emanuele e Fabio che si sono resi protagonisti a Tiki Taka su Italia 1 e negli ultimi progetti con S.P.A.L., Dinamo Sassari, Franco Morbidelli.