Achille Polonara: Intervista e curiosità

Achille Polonara il basket ai tempi del coronavirus. Dal Baskonia all’Italia, un viaggio nelle curiosità che circondano il mondo del cestista ex Dinamo Sassari.

achille polonara, Achille Polonara: Intervista e curiosità
VITORIA-GASTEIZ, SPAIN – JANUARY 23: Achile Polonara, #33 of Kirolbet Baskonia Vitoria Gasteiz reacts during the 2019/2020 Turkish Airlines EuroLeague Regular Season Round 21 match between Kirolbet Baskonia Vitoria Gasteiz and Khimki Moscow Region at Fernando Buesa Arena on January 23, 2020 in Vitoria-Gasteiz, Spain. (Photo by Aitor Arrizabalaga/Euroleague Basketball via Getty Images)

Achille Polonara live con Chefaticalavitadabomber. La chiacchierata di oggi si sposta dal rettangolo di gioco verde al parquet di legno. A condurre i giochi, Michel Zegna uno dei tre volti della community di CFVB. L’intervista andata in diretta mercoledì 22 aprile alle ore 18.00 nelle storie Instagram di Chefaticalavitadabomber ha svelato molti segreti di Achille Polonara. Dalla ripresa del campionato dopo la quarantena, ai suoi idoli di sempre, passando anche per domande un po’ più personali.

achille polonara, Achille Polonara: Intervista e curiosità
Dirk Nowitzki ( 14 Germany ), Achille Polonara ( 33 Italy ), Daniel Hackett ( 23 Italy ) Euro Basket 2015 : Italy – Germany (Photo by Christina Pahnke/Sampics/Corbis via Getty Images)

La scelta della Lega di chiudere i campionati in Italia?

“La decisione è condivisibile. Se hanno preso la decisione di chiudere qui la stagione in Italia, evidentemente andava presa!”

Sassari e Pozzecco

“Per me la Dinamo Sassari è una famiglia. Pozzecco è un coach che ti da sempre quella carica in più. A Sassari ho passato due anni fantastici.”

Tornare a giocare senza pubblico come sarà per Achille Polonara?

“In Spagna al momento si pensa di tornare a giocare. Una Final 12, ma è ancora tutto da vedere. Senza pubblico non ho mai giocato, e a livello di adrenalina mancherà tutto. Si sentiranno solo gli insulti (ndr) e le indicazioni dei Coach. A me dispiace, perché io mi carico con i tifosi, mi danno quella marcia in più”.

Achille Polonara: Quel numero 33 sulle spalle

Achille Polonara ha confessato nella diretta con chefaticalavitadabomber che la scelta del numero non è casuale.

“Il numero 33 l’ho scelto per omaggiare Larry Bird e Scottie Pippen”

Achille Polonara

Chefaticalavitadabomber in campo con la Dinamo Sassari per la finale!
(GUARDA IL VIDEO)

Gli allenatori che ti hanno dato più?

“Duško Ivanović è l’allenatore a livello tecnico più preparato che ho avuto. Capobianco e Ramagli sono senza dubbio quelli che mi hanno permesso di fare il salto di qualità. Loro mi hanno dato la fiducia nel momento giusto.”

Cosa ti manca del Basket italiano?

“Mi manca tanto dell’Italia in generale. La famiglia, il cibo gli amici su tutto. Qui a Baskonia mi trovo molto bene. Grande organizzazione, siamo tra le tre o quattro squadre più attrezzate. Una delle differenze maggiori tra l’Italia e la Spagna sono le strutture. In Italia mancano i progetti, soprattutto a livello di settore giovanile. In Italia prevale il calcio, e quindi bisogna adeguarsi”.

Giovani italiani su cui puntare?

“Matteo Spagnolo è un giocatore di grande talento che oggi gioca al Real Madrid. Leonardo Totè, Andrea Pecchia sono altri due profili da tenere d’occhio. I giocatori in Italia ci sono, bisogna dargli fiducia”.

Il giocatore che ti ha impressionato di più in questa stagione?

Tornik’e Shengelia è il giocatore che mi ha impressionato maggiormente. Il mio compagno di squadra qui a Baskonia. Lui è veramente un giocatore di altissimo livello”.

Achille Polonara: Carriera e titoli

Nato a Ancona il 23 novembre 1991, Achille Polonara inizia la sua carriera nella palla a spicchi, nel settore giovanile della Stamura Basket Ancona. A 15 anni si trasferisce alla Teramo Basket, club che lo prenderà per mano fino al suo debutto in Serie A. In quattro stagioni colleziona numerose presenze e durante 2011-2012 viene eletto miglior Under 22 della Lega Basket Serie A FIP. Alla fine del campionato passa a Varese e si riguadagna il titolo di miglio Under 22 della Lega. Nel 2014 sceglie Pallacanestro Reggiana, squadra con la quale nel 2015 alzerà al cielo la Supercoppa Italiana. 2 finali scudetto in due anni consecutivi però lasceranno l’amato in bocca all’ala grande di Ancona. Nel 2017 sposa il progetto della Dinamo Sassari e trova in panchina uno dei tecnici più esuberanti del campionato, Gianmarco Pozzecco. In Sardegna Achille Polonara scrive pagine importanti della sua carriera, raggiungendo nella stagione 2018-2019 la finale di Lega contro Venezia. Dopo due anni strepitosi sull’isola, Polonara firma nel 2019 con gli spagnoli del Siska Baskonia. Con la Nazionale italiana non ha raccolto molto, se non il secondo posto nel 2011 con la selezione Under 20 azzurra.