5 scommesse in attacco per la 30° giornata

5 scommesse da schierare in attacco nella 30° giornata del campionato di Serie A.

scommesse in attacco, 5 scommesse in attacco per la 30° giornata
Db Reggio Emilia 03/10/2020 – campionato di calcio serie A / Sassuolo-Crotone / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Simy Simeon Touchukwu Nwankwo

Nwankwo Simy (SPEZIA-CROTONE). 15 gol in Serie A con il Crotone non sono solamente un record, ma pura goduria per i suoi fantallenatori. La squadra di Cosmi sembra ormai condannata alla retrocessione, ma il cuore e il talento di alcuni giocatori in rosa vale molto di più di ogni altra cosa. Nelle ultime 4 gare ha riscritto ogni tipo di statistica, nelle ultime 4 uscite ha fatto impazzire chi nell’asta di inizio ha scommesso sulle sue prestazioni. All’andata la gara finì 4-1 per il Crotone, ma sul taccuino dell’arbitro alla voce marcatori non fu scritto il suo nome. Doppia di Messias, Reca e Eduardo siglarono la vittoria e per Simy un solo assist a referto. In questo momento è senza dubbio uno degli attaccanti più in forma e non riservargli un posto in terza slot sarebbe da totali sprovveduti. Ultima chiamata per il Crotone e Simy a nostro avviso farà di tutto per rispondere presente.

Felipe Caicedo (VERONA-LAZIO). Dopo aver scommesso su di lui nella scorsa giornata torniamo a puntare alcune fiches sulla rapacità di questo giocatore. 826 minuti giocati, 8 gol dei quali 4 di destro e 4 di sinistro, Felipe è il giocatore più decisivo di questa Lazio in rapporto ai minuti giocati. Sotto il balcone di Giulietta i biancocelesti si presentano dopo 3 vittorie consecutive e qualche problemino di realizzazione per il detentore della Scarpa d’Oro della stagione passata. Il compagno di reparto di Caicedo infatti, non trova il gol da ben 7 gare e se in Nazionale le cose sembravano essere cambiate, al ritorno all’Olimpico la sfortuna si è ripresentata con il conto. Simone Inzaghi dal divano di casa causa Covid, dovrebbe puntare su Felipe fin dal primo minuto per provare a incanalare la gara subito sui binari giusti. Ci aspettiamo la doppia cifra stagionale dal 20 della Lazio e difficilmente tradirà le nostre aspettative.

Paulo Dybala (JUVENTUS-GENOA). Subito a scommettere sulle qualità del 10 della Juventus. Contro il Napoli è entrato subito con il piede giusto e dopo una manciata di minuti ha lasciato il segno sulla gara. La stagione dell’argentino è stata la più difficile da quando è arrivato a Torino, e la sua classe è mancata enormemente a tutta la banda bianconera. Non dimentichiamoci nemmeno dei suoi fantallenatori, che a inizio stagione hanno speso una follia per averlo in rosa e oggi si ritrovano con 3 gol in un campionato intero. Dybala proverà a fare del suo meglio per chiudere l’anno nel miglior dei modi, anche se la titolarità non sarà semplice da raggiungere. Poco importa perchè contro il Genoa non sarà una passeggiata per la Vecchia Signora e le giocate del 10 potrebbero tornare molto utili a Pirlo per risolvere la gara. Scommessa? Certamente, SI.

M’Bala Nzola (SPEZIA-CROTONE). Un giocatore che in tanti aspettano, compresi quelli che hanno fatto follie per prenderlo nell’asta di riparazione di gennaio. M’Bala dopo l’infortunio non è stato più in grado di lasciare il segno, non è stato più in grado di fare la differenza come nella prima parte di campionato. Un giocatore che potrebbe decidere in positivo o in negativo la storia dello Spezia in questa competizione, insomma il vero ago della bilancia della stagione dei liguri. Italiano dovrebbe tornare a dargli fiducia dal primo minuto al centro dell’attacco, al fianco di Gyasi e di Verde. Il Crotone potrebbe essere la squadra giusta per dare la spinta al bomber dello Spezia, potrebbe rappresentare l’occasione per svegliare Nzola dal sonno. Noi scommettiamo su di lui in questa giornata, una terza slot che potrebbe tornare a sorprendervi.

Musa Barrow (ROMA-BOLOGNA). Quando pensiamo a questa gara non possiamo fare altro che tornare indietro di un anno circa, a quel 2-3 di musica e magia. Orsolini apriva le danze e Barrow con una doppietta pazzesca chiudeva il match. Quest’anno al Dall’Ara il Bologna ha perso malamente (5-1), quasi senza fiatare, ma a nostro avviso le cose sono cambiate. La Roma arriverà al match stanca dalle fatiche di Coppa e con qualche problemino a livello fisico nei suoi uomini più importanti, mentre dall’altra parte il Bologna di Sinisa molto più leggero. Senza pressioni il Bologna potrebbe decidere di affrontare a viso aperto una Roma costretta a fare risultato, e questo potrebbe aprire gli spazi giusti per le ripartenze orchestrate da Soriano e chiuse da Barrow. Un rischio da prendersi.

Aggiornato il 10 Aprile 2021