[VIDEO] – Le stranezze del Mondiale 2018 fino ad oggi

 -  - 


I Mondiali di calcio non sono mai solo semplici partite di calcio.

Dietro ai Mondiali di calcio si celano vere e proprie follie, polemiche, gente sconosciuta che diventa eroe della propria nazione e non solo, insomma, ai campionati del Mondo non ci si annoia mai, ora noi andremo ad elencarvi qualche notizia che forse nessuno vi ha ancora fatto leggere.

Brasile – Germania del 2014 è certamente una di quelle partite che nessuno mai dimenticherà, un sonoro 7-1 inflitto dalla Germania ai malcapitati Brasiliani, un match che ancora oggi, in Terra Tedesca, riecheggia ricordi estasianti, tant’è che, un famoso marchio Tedesco di salsicce, ha creato un edizione limitata di salsicce che verranno venduto solo per il periodo del Mondiale, all’interno di questa confezione ci saranno 7 pezzi di carne chiara, fatta con carne di maiale e una sarà nera fatta con carne di manzo. Simpatici questi tedeschi…

La politica e il calcio sono 2 mondi che non si dovrebbero mai incontrare, ma ahinoi sappiamo che coì non potrà mai essere. Lo sanno benissimo anche Shakiri e Xhaka che, nella partita che li ha visti affrontare la Serbia, dopo essere andati entrambi a segno, hanno deciso di esultare facendo il gesto dell’aquila bicefala, ovvero simbolo dell’ Albania. Loro originari tutti e due della regione del Kosovo, ex provincia serba a maggioranza albanese, indipendente dal 2008 ma mai riconosciuta come tale dalla stessa Serbia. La federcalcio serba ha così inoltrato protesta ufficiale contro i due calciatori avversari e Stephan Lichtsteiner (che pur non avendo legami con l’Albania e il Kosovo si è unito al duo), in quanto l’esultanza è stata considerata provocatoria e non consentita secondo le norme Fifa, che ha multato i due autori dei gol di 8.500 euro ciascuno (4.000 euro per Lichtsteiner). Caso chiuso? Non ancora, perché in Kosovo si sono dati da fare raccogliendo oltre 12.000 euro, con anche alcuni ministri pronti a sostenere la causa.

La pessima figura ai tanto attesi Mondiali in Russia passa in secondo piano per l’Egitto, reduce dal ko contro l’Arabia Saudita. Il 2-1 subito negli ultimi secondi dell’ultimo minuto di recupero è stato fatale per Abdel Rahim Mohamed, ex allenatore dello Zamalek (principale club egiziano) e commentatore sportivo sui canali della tv statale egiziana Nile Sports, colpito da un attacco cardiaco subito dopo la fine della partita. Secondo quanto riportato dai media locali, nonostante i pronti soccorsi e la corsa in ospedale, neppure la rianimazione è stata sufficiente per salvare Mohamed.

L’utima notizia e quella più leggera, è sicuramente quella del tentato gol di Panama. Panama, che era alla sua prima partecipazione al Mondiale, è riuscita anche  nell’impresa ancora più ardua, cioè quella di tentare di segnare subito dopo un aver subito una rete dall’Inghilterra. Si avete letto bene, battuto rapidamente il calcio d’inizio per conquistare la metà campo rivale completamente sguarnita e tirare verso la porta avversaria. A fermare il sogno è stato però il mancato fischio per la ripresa del gioco dell’arbitro, che ha bloccato i sogni di gloria panamensi in base alla regola numero 8 che spiega come “il calcio d’inizio è consentito solo se tutti i calciatori si trovano nella propria metà campo”.


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Scopriamo la moglie di Zarate

Condividi questa notizia:
0 views
bookmark icon