Top e Flop Milan-Craiova 2-0: Kessie incanta, Niang delude

Undici anni fa il Milan si giocava i preliminari contro la Stella Rossa per la Champions League (che poi vinse ad Atene). Oggi invece si gioca il terzo turno preliminare per l’Europa League contro il Craiova davanti a quasi settantamila persone in quel di San Siro, un record assoluto di questi tempi. L’atmosfera è elettrica anche per la presentazione dei nuovi acquisti Biglia e Bonucci che hanno fatto esplodere lo stadio.

Milan-Craiova 2-0: la partita

La rosa del Craiova vale circa un ventesimo di quella del Milan e la differenza si vede da subito, quando il Milan parte subito all’attacco trovando prima il gol di Kessie, annullato per fuorigioco e successivamente il vantaggio di Jack Allegri Bonaventura scaraventando a rete da calcio d’angolo. Urlo liberatorio che giustifica l’assenza alla cena di famiglia con il padre Massimiliano e la figlia Valentina.

Milan-Craiova 2-0: i top e i flop

TOP:
Donnarumma: il figliol prodigo torna a San Siro dopo la telenovela di inizio estate sul rinnovo, i tifosi pretendono molto da lui per il loro perdono e lui passa alle cose formali mettendoci la faccia su quella sassata di Mitrita durante il primo tempo. La partita parte forte ma si dimostra poi noiosa, lui tiene svegli i tifosi urlando “stiamo in vantaggio e tutto va beneee” e termina il tutto in ordinaria amministrazione. 7 VIEN VIEN VIENIT A PIGLIA’ O’ PERDON

 

Kessie: vede bene la porta ma non la bandierina alzata da un’ora dall’assistente, gioca come un maiale assatanato facendo alcuni pressing più pericolosi di una spallata di Barzagli. Dimostra personalità e carisma  6.5 KESSIE DI BUON AUSPICIO

Conti: corre dimostrando di voler mangiare l’erba di San Siro portandola a casa per farla cucinare alla madre, ma quello che divora clamorosamente è un gol al primo tempo con Cutrone che ancora gli bestemmia dietro. Finché ne ha corre saltando tutti ma dimostrando un occhio per i passaggi degno del miglior Beppe Marotta. 6.5 PER I PASSAGGI SBAGLIATI FACCIAMO I CONTI

FLOP

Niang: non è neanche il lontano parente del tamarro ammirato la stagione scorsa tra Milan e Watford, qualche sponda buona ma quei tiri dalla distanza sono solo  dei passaggi per allenare il portiere del Craiova. E farsi sostituire da Borini non è bello. 5 ANDREMO A COMANDARE

Calhanoglu: gioca pochi minuti è vero, ma abbastanza per ammirare quella punizione calciata contro la barriera del Craiova.  Sicuramente deve mostrare il suo vero valore e siamo sicuri ci riuscirà. 5+ CALHALOADING

Borini: entra con la partita già in ghiaccio e fa subito vedere chi è veramente facendosi fermare dalla difesa del Craiova e facendo capire a Montella che ancora deve lavorare. Non è certamente il Borini della Roma di Luis Enrique e questo si vede, ma sicuramente il mister sa a chi affidare le panchine e le borracce dei rossoneri. 5 PORTABORRACCE

 

Condividi questa notizia: