Tino Asprilla: “Ero a fare sesso con una delle mie fidanzate inglesi…”

Mister forse mi ha scambiato per Forrest Gump!

Asprilla era completamente folle. E che duetti fra lui e Scala! Il mister lo faceva correre tanto, così Tino una volta si stufò, si fermò all’improvviso e si tolse le scarpe, facendole volare fuori dal campo della Cittadella tra lo stupore di tutti, andandosene a farsi la doccia. Negli spogliatoi al mister che gli chiedeva spiegazioni un po’ alterato, lui rispose :

Mister forse mi ha scambiato per Forrest Gump!

asprilla-parmaAnche a Scala scappò una risata… Racconta Gigi Apolloni, suo compagno storico ai tempi di Parma, di Tino Asprilla, uno dei giocatori più folli e strambi di sempre.
“Due giorni prima di una partitissima” – continua Apolloni – “Tino era a casa distrutto. Non si presentò all’allenamento. Lo andai a cercare e vidi che si era scolato delle bottiglie di whisky perché sua moglie lo aveva lasciato. Non so come ma lo convinsi a smettere e si rimise in piedi in un paio di giorni col fisioterapista. La domenica giocò e segnò due goal!”

Tino-Asprilla-Barcelona

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sembrano favole assurde, ma Tino ci ha abituato a aneddoti del genere. Soprattutto ha abituato i suoi compagni. Fughe, scherzi, pazzie, ritardi. Come quella volta ai tempi del Newcastle.
I “Magpies” fanno il loro debutto in Champions League nel 1997-98, e l’avversario non potrebbe essere più affascinante, perché al “St. James’ Park” arriva il Barcellona. Nella formazione inglese dovrebbero giocare di punta Alan Shearer e Tino Asprilla, solo che indovinate un po’? Il Colombiano poco prima del match non si ritrova. Arriva al campo in nettissimo ritardo, cosa poco tollerata dovunque, ma soprattutto in Inghilterra. L’allenatore Dalglish ci pensa su, ma poi decide di mandarlo in campo lo stesso, contro il volere di tutti. Risultato finale: Newcastle – Barcellona 3-2 e… Tripletta di Asprilla! A fine partita interrogato sui motivi del suo ritardo, con tutta la serenità del mondo risponde:

“Ero a fare sesso con una delle mie fidanzate inglesi…

Asprilla

Cosa gli vuoi dire ad uno così?
Una vita spericolata quella del “Cafetero“, fatta di feste concluse sparando in aria, relazioni con pornostar, piedi rotti per sfondare la portiera di un autobus che gli aveva tagliato la strada, e giorni di carcere dopo aver sparato con una mitragliatrice sulle forze dell’ordine.

“Mi hanno tenuto in carcere dieci giorni, ma poi mi hanno fatto uscire perché non ne potevano più di me…”

Ti crediamo Tino, ti crediamo…


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Scopriamo Yanet Garcia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here