Prima della partita gli serve un po’ d’adrenalina: “Devo caricarmi”. Musica? “Anche, mi piace tutto”. Forse meglio un film: “Tipo Braveheart!”. Roba seria quindi: “Mi piace, ti lascia uno stimolo in più”. Quasi come un gol: “Sono fondamentali, ma li baratterei per raggiungere obiettivi importanti”. Tipo quelli della Viterbese, oggi seconda in Lega Pro con la miglior difesa dei professionisti. Un solo gol subito: “Siamo compatti, solidi, corti. E’ il nostro marchio di fabbrica”. Garantisce Sforzini, detto“Nandogol”. Che ora segna pure…di tacco: “Bello sì, contro la Lupa Roma, era il primo così!”. Esultanza ormai famosa: “Nacque tutto con una scommessa…”. Ventura BenoitIl “Tagliagole” Nando lo ricorda: “La promisi ad un mio amico, la volta dopo segnai e iniziai a farla sempre. Mi  portò benissimo”. Occhio anche al wrestling, altra passione: “E’ ispirata a Chris Benoit”.

Primo gol stagionale quindi, Sforzini sogna con la Viterbese: “Ho girato tanto, oggi mi sono avvicinato a casa”. Merito del presidente Camilli: “L’avevo già avuto a Grosseto, lo conosco, è ambizioso. Avevo altre offerte in Serie B, ma non ci ho pensato un attimo ad accettare”. Piazza cercata, voluta, inseguita: “E’ stata la soluzione più giusta. La squadra è giovane, i vecchi siamo io e altri 3-4!”.Esperienza e voglia di continuare: “Ho 32 anni, voglio togliermi ancora qualche soddisfazione”. Schietto. “Purtroppo ho avuto qualche problema fisico che mi ha condizionato”. Ma quando parla di Grosseto si emoziona: E’ stata la mia svolta, mi riscattarono dall’Udinese per 500mila euro e segnai 40 gol in 2 anni. Arrivai a gennaio 2011 insieme a Immobile”.

Continua qui:

http://gianlucadimarzio.com/serie-a/lazio/tagliagole-ecco-perche-viterbese-braveheart-sforzini-nesta-il-piu-forte-grosseto-una-svolta-e-immobile-era-gia-imprendibile/

 

Condividi questa notizia:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here