Petrovic il “Mozart dei canestri”

drazen petrovic mozart
Petrovic Drazen 22 ottobre 1964

Quasi vengono a mancare le parole. Mi verrebbe voglia di bloccare tutto e vedere qualche vecchio video delle sue giocate, dei suoi canestri e dei suoi assist, ma penso che finirei per commuovermi. Comunque nel conoscere la triste storia di quel ragazzo che con un sorriso in volto faceva impazzire tutti sui campi di pallacanestro.

Raccontare la storia di Drazen Petrovic non è per nulla facile. Si parte da giovanissimo in Croazia, dove incanta tutti e muove i primi passi, per arrivare nella lega dell’ex Jugoslavia in cui mette di media 43,3 punti. Una cosa mai vista e che tutt’oggi farebbe scalpore, sino ad arrivare alla partita di Lubiana in cui il giovane Drazen ne mette addirittura 112, no, non mi sono sbagliato, 112 è difficile anche da immaginare.

michael jordan drazen petrovic
Quello che stupì più di tutto sia in Europa, con la maglia del Real Madrid, sia in America con Portland e Brooklyn Nets, di cui non riconoscerebbe nulla, né l’arena né la maglia. Questo ragazzo si muoveva in campo con leggiadria, ma sapeva sempre come attaccare un difensore per poterlo battere in palleggio o con un movimento senza palla, grazie anche alla sua intelligenza cestistica che in Europa non aveva trovato pari e che primeggiava anche in NBA, dove i ragazzi europei venivano visti con diffidenza e considerati di serie B.

petrovic drazen

Petrovic amava giocare e rappresentare la sua Croazia-Jugoslavia, era addirittura arrivato in finale nei giochi olimpici di Barcellona nel 1992, venendo sconfitto in finale dal dream Team. Una sera dopo aver concluso una partita di qualificazione in Polonia, Drazen, noto anche per la sua paura dell’aereo decise di non tornare insieme ai suoi compagni, ma di prendersela comoda, viaggiando in macchina con la sua fidanzata ed una loro amica. Alle 17:20 del 7 giugno 1993 un camion, per evitare un incidente, si mise di traverso occupando la corsia opposta dove viaggiava Drazen, che addormentato, probabilmente non si è neanche reso conto dello schianto e ci ha lasciato così, con tanti ricordi e qualche vecchio video.
Oggi avrebbe compiuto 55 anni il Mozart della pallacanestro, colui che in pochi anni ha riscritto la storia di questo sport in Europa e lasciato un ricordo indelebile nelle memorie di noi appassionati.


 

CLASSIFICA: Gli atleti più pagati a post su Instagram

Condividi questa notizia: