“Muchas gracias, hala Madrid!”.

robiQuattro parole in uno spagnolo appena accennato diedero il via all’esperienza “galactica” di Antonio Cassano, che il 4 gennaio 2006 sbarcò a Madrid e firmò con il Real. Sembrava poter essere il picco della carriera per FantAntonio, da lungo tempo in rotta con la Roma e finalmente arrivato dove aveva sempre sognato di poter stare, ovvero in una squadra di campioni del calibro di Zidane, Raul, Ronaldo, Robinho, Beckham, Roberto Carlos e via così. E invece fu quasi un calvario.


Fu una trattativa anomala per il mese di gennaio: non si trascinò fino agli ultimi giorni di mercato. In una settimana di febbrili trattative e di notti insonni, Roma e Real Madrid trovarono l’accordo su tutto: Cassano, in scadenza con la Roma nel 2006, passò al Real per 5 milioni di euro. Il 4 gennaio Antonio fece le valigie e volò a Madrid. Arrivò all’aeroporto assieme a Rosaria Cannavò, sua compagna dell’epoca. Ad accoglierli centinaia di tifosi impazziti di gioia, un clima elettrizzante.
cassano_real_getty_1
Antonio indossava una giacca con un collo di pelo memorabile, accanto a lui l’appariscente compagna, ex di Panucci.
L’allenatore era Juan Ramon Lopez Caro, da poco subentrato a Vanderlei Luxemburgo. Non era una stagione epica per il Real. Cassano, però, iniziò col piede giusto: debutto il 18 gennaio contro il Celta, gol quattro minuti dopo essere entrato dalla panchina. Il bis qualche settimana dopo, nel derby con l’Atletico. Ma i chili erano troppi, e i minuti pochi. Per la stampa spagnola era “il gordo“. Florentino Perez nel frattempo se ne andò, in estate arrivò come tecnico Fabio Capello. “È come un padre, lui mi ha gestito bene, sono contento“, disse Antonio, che intanto aveva visto da spettatore il trionfo azzurro al Mondiale.
cassano400

A ottobre la prima “Cassanata”. Litigio plateale con Capello, che lo mise fuori rosa per 40 giorni. Qualche mese dopo, prima di un match, FantAntonio si improvvisò imitatore, emulando gesti e movimenti del suo allenatore, che ovviamente non la prese bene. Qualche spezzone di partita, con il picco dell’assist decisivo nel derby, poi tante tribune.

A marzo fu di fatto messo fuori squadra: non giocò più un solo minuto. E mentre il Real vinceva la Liga, Antonio era a Bari, a riflettere sul proprio futuro e ad aspettare una chiamata dall’Italia, andrà alla Sampdoria.

https://www.youtube.com/watch?v=1BWjU2jUhOk

Condividi questa notizia:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here