Il più grande truffatore del mondo del calcio. Li ha presi per il culo tutti!

Il più grande truffatore del mondo del calcio di tutti i tempi è Carlos Henrique Raposo. E’ riuscito per oltre 20 anni a firmare contratti da calciatore professionista senza mai giocare. Direi che ha semplicemente vinto! Ecco come ha fatto.

“Sono stato il più grande calciatore… a non giocare a calcio. La mia è la storia di un anti- calciatore, non giocavo, non segnavo, non toccavo palla.”


E’ USCITO IL LIBRO DI CHE FATICA LA VITA DA BOMBER:


 

a ET ha raccontato Raposo:

“Spesso erano i giocatori miei amici a trattenermi se i dirigenti volevano cacciarmi. Facevo di tutto per tutti: loro sbagliavano, e io rimediavo. C’era chi non sapeva firmare un assegno, chi aveva bisogno di essere coperto con le donne, chi non riusciva a tornare a casa perché ubriaco, chi voleva le fidanzate in ritiro. Lo stipendio arrivava in ritardo? Trovavo uno sponsor, procuravo un prestito ai giocatori, risolvevo tutto grazie alla mia educazione e al mio carisma”

Bebeto, campione del Mondo 1994, diceva all’epoca di lui:

“Non ci credo , ha cambiato ancora squadra!”

Raposo soprannominato Il Kaiser per la sua somiglianza con Beckenbauer ci spiega come ha fatto a truffare per anni i club in cui ha “giocato” (parolone):

“Ero amico dei più grandi calciatori della mia generazione: Renato Portaluppi, Rocha, Bebeto, Romario, Careca, Andrade, Edmundo, Marinho Chagas… Così qualcuno di loro mi portava sempre con se, spesso come contropartita. Firmavo il contratto grazie alla buona pubblicità dei giornali amici e compiacenti e dei giocatori. In allenamento poi facevo solo la parte fisica. Quando occorreva lavorare col pallone, combinavo sempre che qualcuno mi facesse un’entrata o fingevo un fastidio muscolare. All’ epoca non c’era la risonanza magnetica nei club, era la mia parola contro quella del medico”.

 

PRESTO AL CINEMA

Per la regia di Louis Myles, presentato al Tribeca Film Festival 2018 e in arrivo in Italia il 16 aprile, prodotta da Mescalito Film.

 


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: 

Scopriamo Silvia Caruso

Condividi questa notizia: