Ecco chi è la donna che accusa CR7

La passione di Kathryn Mayorga per il calcio è sbocciata molti anni prima dell’incontro con Cristiano Ronaldo in quel night-club di Las Vegas, nella notte “incriminata” del 12 giugno 2009. La donna che ha accusato di violenza sessuale il fuoriclasse portoghese era una lupetta delle “Girl scouts” quando ha iniziato a tirare i primi calci ad un pallone. Soccer, softball e la scuola, dove sono progressivamente emersi i suoi disturbi di apprendimento e capacità di concentrazione (dall’inglese “Attention Deficit Disorder”) come da lei stessa dichiarato – e dalla madre Cheryl – a Der Spiegel. “Crescere per me è stato un percorso faticoso – ha spiegato al settimanale tedesco – la mia esperienza scolastica è stata complicata. Però mi sono rimboccata le maniche (nell’intervista ha usato un’espressione più colorita ndr) e ho deciso di mettermi alla prova”. Figlia di una casalinga e di un vigile del fuoco (Larry, oggi in pensione), Kathryn è nata a Las Vegas il 30 maggio del 1984 e ha un fratello (Jason) di 37 anni. “We’re just simple people”: è così che dicono della loro famiglia.

Nella foto a sinistra la Mayorga insieme al fratello Jason nel 2009. A destra la Kathryn di oggi 

La laurea in giornalismo e il matrimonio lampo

Un’esistenza apparentemente ordinaria, arricchita da una laurea in Giornalismo nel 2008 all’Università del Nevada, tra studio e locali notturni: “Mi divertivo molto – ricorda – andavo alle feste, si ballava fino all’alba”. Ai tempi era fidanzata con un ragazzo di origini albanesi (barista e tecnico di computer a mezzo servizio) che ha sposato non appena indossata la corona d’alloro e dal quale ha divorziato nel giro di un anno, proprio nel 2009: “Avevo 24 anni, fresca di laurea, ho sentito il bisogno di sposarmi, ho avvertito quel tipo di pressione” ha ammesso. E pare che all’inizio le cose non andassero neanche tanto male, finché qualcosa deve essere andato storto. 

L’ultimo numero del settimanale tedesco “Der Spiegel” concentra ancora la sua attenzione sulle accuse nei confronti di Cristiano Ronaldo

Ragazza-immagine nella “Sin City”

Così ripone l’abito nuziale nella valigia e torna a casa dei genitori, in uno dei migliori quartieri della “Sin City”. Una villetta con un bel cortile, un garage spazioso, piscina e vista sulla “capitale del vizio”, quella sognata da Bugsy Siegel, il pioniere dei casinò portato al cinema da Warren Beatty e Barry Levinson. E Kathryn – ora – si divide tra la moda e il ruolo di ragazza-immagine nelle discoteche della “Strip”. “Mi stavo godendo la vita” afferma ancora la Mayorga – ero molto impegnata, il lavoro di modella era gratificante, viaggiavo spesso. Mangiavo vegano, stavo veramente bene”. È in una di quelle notti che nella zona vip del “Rain” beve dello champagne con Cristiano  – allora in procinto di passare dal Manchester Utd al Real Madrid – e avrebbe accettato l’invito a raggiungerlo in camera, nella suite 57306 del Palms Casino Resort, dove l’americana ha rivelato che si sarebbe consumato lo stupro.

Uno scatto di CR7 e Kathryn Mayorga nella zona vip del del “Rain”, nightclub di Las Vegas

Il Palms Casino Resort di Las Vegas, l’albergo dove secondo l’accusa si sarebbe svolto l’incontro intimo tra Cristiano e la modella statunitense (Getty)

Maestra

Kathryn ha continuato a lavorare ancora per diversi anni come hostess nei night-club di Las Vegas, ma niente sarebbe stato più lo stesso dopo quella sera, come riferito nella conferenza stampa dello scorso 3 ottobre dal suo legale Leslie Stovall: “Dall’episodio della violenza sessuale del 2009 la mia assistita ha sofferto di depressione e valutato il suicido. Nove anni difficili per la donna, con abuso di alcol, difficoltà nel mantenere rapporti personali e lavorativi”. Ha insegnato in una scuola elementare (la Clark County School) fino a qualche giorno fa, ma ha lasciato la cattedra: “Adesso – ha annunciato – avrò bisogno di tutta la mia forza”.

La Mayorga e una collega durante uno dei tanti eventi mondani nelle discoteche di Las Vegas, siamo nel 2014 (Getty)

La conferenza stampa del 3 ottobre a Las Vegas  tenuta dai legali di Kathryn Mayorga (Getty)

fonte SkySport


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Medel: “Se non avessi fatto il calciatore sarei diventato un narcotrafficante o spacciatore”