CONSIGLI FANTACALCIO 2017-2018, BOLOGNA BENE MA NON BENISSIMO?

Dopo aver ottenuto lo scorso campionato una tranquilla salvezza, il Bologna di mister Donadoni vuole alzare l’asticella delle proprie ambizioni e cercare di puntare alla parte sinistra della classifica, posizione che un club glorioso come quello felsineo merita di occupare. L’allenatore lombardo quest’anno punterà sul 4-2-3-1, modulo già provato lo scorso anno, che potrà esaltare la caratteristiche offensive dei vari Destro, Verdi e Di Francesco. Scopriamo i possibili protagonisti dei rossoblù.

Consigli fantacalcio 2017/2018: le certezze

ADAM MASINA (difensore) 

Dopo aver fatto innamorare due stagioni fa molti fantallenatori, che acquistando a poco il terzino sinistro classe ’94 si erano ritrovati in rosa un giocatore che abbinava alla titolarità una discreta costanza di rendimento, in grado di realizzare anche 2 gol in 33 gare di campionato alla sua prima esperienza nella massima serie, l’anno scorso il difensore del Bologna non è riuscito invece a ripetere quanto di buono fatto nella stagione precedente. Quest’anno Masina vorrà assolutamente riscattarsi, con mister Donadoni che potrebbe anche avanzarlo a centrocampo qualora adottasse il 3-5-2, modulo che renderebbe Masina ancora più interessante a livello fantacalcistico.

ANDREA POLI (centrocampista) 

Voluto fortemente da mister Donadoni, che su di lui punta tantissimo, Poli arriva al Bologna nel pieno della sua maturità calcistica dopo la non fortunatissima esperienza al Milan delle ultime 4 stagioni. Nonostante sia arrivato quest’estate al Bologna, Poli è già un giocatore inamovibile per Donadoni in quanto può agire sia da mediano davanti alla difesa nel 4-2-3-1, sia da mezz’ala nel 4-3-3, potendo ricoprire anche il ruolo di trequartista, come già sperimentato dal tecnico lombardo in questo precampionato. Poli sarà quindi una certezza fantacalcistica in quanto porterà titolarità, buoni voti e anche qualche bonus.

MATTIA DESTRO (attaccante)

 

Un attaccante da 60 reti in 175 gare di serie A non può non essere considerato una certezza per una squadra come quella rossoblù, ma quest’anno Destro dovrà fare il definitivo salto di qualità, trascinando a suon di gol il Bologna, le cui fortune dipenderanno molto dall’attaccante, vero e proprio punto di riferimento nel 4-2-3-1 con cui mister Donadoni schiererà quest’anno la formazione felsinea. Senza guai fisici Destro potrà sicuramente migliorare il suo record in Serie A di 13 reti realizzato nella stagione 2013/14 quando militava nella Roma, considerando anche che è lui il rigorista della squadra. Destro, dopo aver terminato in crescendo la scorsa stagione, si segnala già in buona forma dopo le prime amichevoli estive.

Consigli Fantacalcio 2017/2018: le sorprese

SEBASTIAN DE MAIO (difensore) 

Occasione di rilancio per il forte difensore centrale francese, che dopo l’ultima travagliata stagione trascorsa tra le file dell’Anderlecht e della Fiorentina senza praticamente quasi mai giocare, a Bologna vorrà tornare ai livelli delle tre stagioni disputate nel Genoa tra il 2013 e il 2016, nelle quali realizzò anche 4 reti in 84 gare di Serie A. E’ stato acquistato per essere il leader della difesa rossoblù, quindi garantirà sicuramente titolarità e voto sicuro.

LADISLAV KREJCI (centrocampista) 

L’esterno ceco, proveniente dallo Sparta Praga, al primo anno di Serie A si è dimostrato un ottimo assist-man, fornendo ai propri compagni ben 7 assist vincenti, realizzando però solo una rete nelle 37 partite disputate nella massima serie. Complice anche l’infortunio subìto da Falletti nell’amichevole con i tedeschi dell’Hoffenheim, che pregiudica al trequartista ex Ternana la prima parte della stagione, Krejci avrà la possibilità di essere da subito titolare grazie anche alla sua duttilità tattica, con la speranza che quest’anno possa migliorare sotto l’aspetto realizzativo.

SIMONE VERDI (attaccante) 

Il trequartista lombardo listato attaccante perde quell’appetibilità fantacalcistica che da centrocampista ne avrebbe fatto una sicura certezza per qualsiasi fantallenatore. Se non fosse stato per quell’infortunio subìto nella prima parte della scorsa stagione, Verdi avrebbe quasi sicuramente terminato il campionato in doppia cifra (per lui alla fine 6 reti in 28 partite). Puntiamo su di lui più che su Di Francesco come scommessa della squadra perché quest’anno Verdi oltre a confermare l’ottimo campionato disputato l’anno scorso, vorrà anche guadagnarsi la convocazione per i Mondiali 2018, pertanto sarà animato da una grande voglia di stupire. Specialista sui calci da fermo, Verdi potrà regalare molti bonus tra assist e gol.

TORNA ALLA GUIDA ALL’ASTA 2017-2018

 

Condividi questa notizia: