Chi dimentica è complice

Quante volte abbiamo sbuffato ascoltando le interviste nel dopo-gara ad allenatori,calciatori e presidenti che sempre più spesso ripetono le solite “quattro parole” imparate a memoria sull’importanza della squadra, l’unione del collettivo a discapito dei singoli e l’importanza della serietà in allenamento? Tante probabilmente troppe volte.

Fortunatamente per tutti gli appassionati di calcio i protagonisti non sempre si sprecano in banalità ed ovvietà ma in alcuni casi si lasciano andare producendo delle vere e proprie perle che restano nell’immaginario collettivo rappresentando storici aneddoti  destinati ad infarcire le chiacchierate al bar.

Carlo Ancelotti:

“Serginho non si diverte giocando da terzino? Vorrà dire che dopo la partita lo porterò al cinema.”

Gabriel Omar Batistuta:

“E’ piu facile che io impari il dialetto pugliese piuttosto che Antonio Cassano impari l’italiano”

Renzo Ulivieri:

“Per una telefonata, non sono diventato allenatore dell’inter: non mi ha telefonato nessuno!”

 

Vujadin Boskov:

“Rigore e’ quando arbitro fischia.”

“Partita dura novanta minuti y finisce quando arbitro fischia.”

“Per vincere partita bisogna fare più gol.”

“Meglio perdere una partita 6-0 che perderene 6 per 1-0”

“Se vinciamo siamo vincitori se perdiamo siamo perditori”

Roy Hodgson:

“Sono fiducioso, a Parma non ho mai perso! Anche perchè non ci ho mai giocato.”

Giovanni Trapattoni:

“Quando sento parlare di immagine, penso immediatamente a certi bei limoni che poi, al momento dell’apertura, sono completamente senza sugo”

“C’è maggior carne al fuoco al nostro arco, anche se l’arco lancia le frecce”

“Non dire gatto se non ce l’hai nel sacco”

“Il pallone è una bella cosa ma non scordiamoci che è pieno d’aria!”

“Strunz!”

“Credo che in nessun’altra squadra europea ci sia un Totti con le caratteristiche di Totti.”

“Non sono ne’ la Lollobrigida, ne’ Merilyn, non merito tante attenzioni, sebbene spesso abbia anch’io un bel culo.”

https://www.youtube.com/watch?v=TD1Oiq4Xpls

 

 

Condividi questa notizia:
Articolo precedenteLa leggenda del numero 4
Prossimo articoloAndrea Pirlo
Avatar
Che Fatica La Vita Da Bomber è una tra le community sportive, Instagram e Facebook, più grandi d'Italia. Conta oggi oltre 2 milioni di followers. I loro volti sono quelli di Emanuele, Fabio e Michel che si sono resi protagonisti negli ultimi progetti con S.P.A.L. e Dinamo Sassari.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here