Si vanta di aver avuto 6-700 donne nel carniere, una ventina dello spettacolo. Non la Hunziker.

“Ho lo stesso vizio di Michael Douglas. L’unica differenza è che lui è stato ricoverato, io ancora no“.

Molte di queste “conquiste” le ha consumate alla vigilia di grandi match nei “blindatissimi” ritiri. “Ne ho trombate molte, anche in ritiro. E’ piuttosto facile. A Trigoria, che è enorme, ero riuscito a procurarmi la chiave dell’ultimo cancello, quello che dava sul retro. Le facevo entrare da lì. Andavamo negli spogliatoi delle giovanili, spesso usavamo i lettini dei massaggi, ogni tanto se ne spaccava uno. Anche se lo scoprivano, non mi dicevano nulla, chiudevano un occhio. Anche perché spesso ho giocato grandi partite dopo aver fatto sesso.

Andatevi a rivedere Roma-Juventus 4-0, quella della bandierina spezzata. Avevo fatto le 6 la domenica mattina, con una delle tante amiche che avevo in quel periodo. L’1-1 con la Lazio è un altro esempio. Ero in panchina, sono entrato a 20′ dalla fine e ho segnato il gol del pareggio”.

Non andò altrettanto bene prima della finale di ritorno di Coppa Italia a Milano: “Passo una notte di sesso leggendario con una soubrette della tv. Alle 6 del mattino mi ordina di rifarlo. Mi ricatta, minaccia di dirlo a tutti se non avessi fatto ancora il mio dovere. Io eseguo. Arrivo a San Siro piuttosto carico, ma stavolta non basta. La coppa se la prende l’Inter”

A Madrid invece prima di ogni gara prenotava una stanza nel piano di sotto dell’hotel della squadra, dove ospitava le sue amiche in piena notte e poi le faceva sparire grazie alla complicità di un cameriere che, per 50 euro, gli portava anche quattro cornetti per rifocillarsi.

http://www.chefaticalavitadabomber.it/cassano-20-anni-puoi-anche-farlo-giorno/

Condividi questa notizia:

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here